Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Svolta elettrica anche per l’autotrasporto, le associazioni del settore chiedono 11mila stazioni di ricarica

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

Entro il 2030 si auspica di raggiungerne 42mila

Mobilità green anche per l’autotrasporto. Per non farsi trovare impreparati a questa svolta epocale, i produttori di autocarri e gli ambientalisti chiedono a gran voce l’implementazione di 11mila punti di ricarica per camion elettrici in tutta l’UE entro il 2025, che saliranno a 42mila entro il 2030.  

The European Automobile Manufacturers’ Association (Acea) e Transport & Environment ha rivolto un appello congiunto alla Commissione europea ripreso dai maggiori organi di informazione. “Dato che attualmente – si legge in una nota dell’associazione – ci sono quasi zero stazioni di ricarica specifiche per camion in funzione, questi obiettivi sono ambiziosi, ma necessari per raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo”. “Inoltre – affermano le associazioni – entro il 2025 dovrebbero essere avviate circa 300 stazioni di rifornimento di idrogeno adatte ai veicoli pesanti, che aumenteranno a circa 1.000 entro il 2030”.

La richiesta anticipa la prevista revisione della direttiva europea sulle infrastrutture per i combustibili alternativi (AFID) quest’anno. Nella loro lettera, Acea e T&E sollecitano la Commissione a rendere AFID adatto per autocarri e autobus a emissioni zero, con obiettivi vincolanti per le infrastrutture in tutti gli Stati membri dell’UE per garantire operazioni transfrontaliere senza soluzione di continuità.

Una scelta urgente e cruciale per incoraggiare gli operatori di trasporto professionali a effettuare una rapida transizione verso veicoli a emissioni zero. I camion elettrici e alimentati a idrogeno richiedono un’infrastruttura specifica per la ricarica e il rifornimento di carburante a causa della loro elevata domanda di potenza ed energia, nonché dei requisiti di spazio, parcheggio e accesso.

“La Commissione europea – chiedono le associazioni – deve affrontare queste esigenze specifiche nella revisione AFID, assicurando che la ricarica e il rifornimento siano possibili nei depositi di camion, nei centri logistici (durante il carico e lo scarico), nei siti pubblici nelle aree urbane e lungo i corridoi autostradali”.

“La nostra industria – ha dichiarato Martin Daum, presidente del consiglio di amministrazione dei veicoli commerciali Acea e CEO di Daimler Truck AG – è pienamente impegnata nel Green Deal e quindi nel trasporto merci su strada a emissioni zero entro il 2050 al più tardi. A tal fine, stiamo investendo massicciamente in autocarri a emissioni zero.

Tuttavia, i nostri clienti non investiranno in questi veicoli a meno che non possano ricaricarli e rifornirli facilmente mentre consegnano merci da un paese all’altro. L’imminente revisione dell’AFID è un’opportunità d’oro per assicurarsi che il lancio dell’infrastruttura e il dispiegamento di veicoli a emissioni zero vadano di pari passo”.

“Il futuro – ha affermato William Todts, direttore esecutivo di Transport & Environment – è elettrico, anche per i camion. La transizione ai camion a emissioni zero sta avvenendo ed è tempo che la Commissione europea si svegli. Dobbiamo costruire 10.000 punti di ricarica per camion nei prossimi quattro anni, in depositi di camion, hub logistici e lungo tutte le principali autostrade d’Europa”.