Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Nasce Mobius, un laboratorio per la mobilità sostenibile

(Come riportato in una nota di www.trasporti-italia.com)

Nato dalla collaborazione traAtlantia e Sda Bocconi School of Managment, si tratta di uno smart mobility, un progetto unico a livello europeo per lo studio e la ricerca nel settore delle nuove forme di mobilità integrata.

Svolgerà attività di ricerca applicata allo scopo di analizzare i principali trend evolutivi del settore della mobilità a livello globale secondo i quattro filoni fondamentali che stanno profondamente cambiando le abitudini e i comportamenti sociali ed economici sul fronte degli spostamenti di persone e merci nel breve, medio e lungo raggio.

La globalizzazione, la digitalizzazione dei device e dei processi, le moderne forme di locomozione e propulsione (sempre più tecnologiche e sostenibili) e l’affermazione di nuovi business model (in primis lo sharing o il noleggio dei mezzi di spostamento, secondo la logica “mobility as a service”) stanno infatti generando impatti rilevanti nel mondo dei trasporti, dando vita a forme di mobilità sempre più profondamente integrate tra loro.

“La Sda Bocconi è nata con l’obiettivo di costruire un ponte tra la ricerca scientifica e il mondo delle imprese attraverso lo studio dei temi legati alla trasformazione economica e sociale – ha affermato Giuseppe Soda, Dean di Sda Bocconi School of Management. Se c’è un’area in cui questi temi sono evidenti e critici oggi questa è sicuramente quella della mobilità e dell’ecosistema di imprese, tecnologie e dati che ruotano intorno ad essa. Mobius nasce con la vocazione di supportare attraverso la ricerca applicata l’evoluzione dell’ecosistema della mobilità integrata”.

“Essere partner fondatore di Mobius Lab è per noi una scelta strategica – ha commentato l’AD di Atlantia Carlo Bertazzo -, in quanto il nostro obiettivo è crescere sempre di più sul fronte della mobilità integrata e sostenibile, associando l’innovazione digitale a una gestione efficace delle infrastrutture. Questa collaborazione ha dunque per noi una valenza industriale, oltre che scientifica e di ricerca applicata, e faremo la nostra parte affinché il network del Lab coinvolga i nostri principali partner a livello internazionale”.