Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Dal MIMS i decreti di nomina dei Commissari per lo sblocco delle grandi opere

Si è concluso il lungo iter di nomina dei commissari per lo sblocco delle grandi opere, passata attraverso l’approvazione di due decreti: lo Sblocca – cantieri e Semplificazioni. La notizia è del ministro delle Infrastrutture Giovannini. I decreti di nomina ufficiale dei Commissari saranno pubblicati a brevissimo, ha annunciato il Ministro. Lo sblocco dei decreti farà partire le attività di sblocco o di avvio delle 57 opere confermate dal Parlamento. In molti casi trattandosi di Commissari tecnici, le attività sono già avviate.

Per il Codice degli appalti, Giovannini è contrario alla sospensione che è stata proposta dall’Antitrust considerando che anche tutti gli esperti concordano sul fatto che se si toglie ogni regola gli Enti non riuscirebbero a seguire una “linea guida” e dunque le opere sospendendo il Codice Appalti non si accelerano, ma si rallentano.

Enrico Giovannini ha affermato che la commissione interministeriale incaricata di studiare l’aggiornamento delle norme ha ultimato i lavori. Unitamente alla partenza del piano nazionale di ripresa e resilienza ci sarà perciò un intervento di semplificazione, velocizzazione, che si può definire di reingegnerizzazione, in alcuni casi si tratta di spostare le fasi, perché alcune devono procedere in parallelo, invece che in sequenza. Una sfida al limite su cui il governo è totalmente impegnato affinché le opere del Pnrr vengano completate entro il 2026.

Le figure tecniche nelle amministrazioni, a partire dalle strutture di Porta Pia saranno rafforzate con lo sblocco dei concorsi nella Pubblica Amministrazione. Nel MIMS si sbloccano 650 posti che erano fermi per assunzione di figure tecniche ed economisti.