Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Bandi: Valori in rialzo nei primi 4 mesi dell’anno. +15,5% per il mercato dei lavori pubblici

Cresme Europa Servizi certifica che ha rilevato dall’inizio dell’anno 6.500 appalti con un importo di 8,875 miliardi. I gestori di reti, infrastrutture e servizi pubblici nazionali guidano la classifica per Enti appaltanti con 422 appalti per 2,679 miliardi. Anche se con un decremento limitato allo 0,3% per la quantità dei bandi, il valore registra una crescita del 15,5% rispetto allo stesso periodo del 2020. I gestori di reti, infrastrutture e servizi pubblici nazionali con 422 bandi (+36,3%) per 2,679 miliardi (+0,3%). Seguono le amministrazioni comunali con 3.214 appalti (-14%) per 2,192 miliardi (+25%) e i concessionari autostradali che hanno mandato in gara 128 appalti (+178%) per 1,538 miliardi. Meno bandi, ma più ricchi, sia per le Ferrovie (21 per 767 milioni, -71% e +87%) e per l’Anas che ha indetto 219 procedure per 211 milioni (+44% e -60%).

Nel primo quadrimestre i bandi dal valore superiore ai 50 milioni di grandi opere sono stati 25 (+127%) per 2,507 miliardi (+16,6%). In rialzo tutte le altre classi tranne quella più piccola: i bandi sotto i 150.000 euro sono stati 1.943 (-4,7%) per 122 milioni (-1,6%).