Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Sicurezza stradale: Grecia, Portogallo e repubbliche baltiche al vertice del calo dei morti

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

L’Estonia riceverà il premio 2020 del Consiglio europeo per la sicurezza dei trasporti (European Transport Safety Council Road Safety Performance Index Award). L’UE “quasi certamente mancherà” l’obiettivo del 2020 di dimezzare le morti per incidenti stradali

Gli Stati baltici, insieme alla Grecia e al Portogallo, sono stati i paesi dell’UE che hanno ottenuto i migliori risultati secondo un nuovo rapporto sui progressi compiuti nel ridurre le morti sulle strade europee dal 2010, pubblicato oggi dal Consiglio europeo per la sicurezza dei trasporti.

L’Estonia sarà premiata quest’anno con il PIN (Road Safety Performance Index) dell’ETSC nel corso di un evento online che si terrà oggi alle 11 del CEST.  Questo Stato baltico ha ora un livello di mortalità stradale (morti sulle strade per milione di abitanti) paragonabile a quello dei Paesi Bassi – un risultato notevole e il riflesso di investimenti significativi e di una leadership strategica sulla sicurezza stradale per diversi anni.

La nuova analisi mostra anche che due dei tradizionali leader europei in materia di sicurezza stradale: i Paesi Bassi e il Regno Unito, pur rimanendo relativamente sicuri rispetto alla mortalità stradale, hanno avuto più morti sulle strade nel 2019 che nel 2010.  Anche Francia, Svezia e Germania hanno mostrato progressi deludenti negli ultimi nove anni, con solo modeste riduzioni dei decessi.  La Bulgaria e la Romania rimangono i paesi europei con i peggiori risultati in termini di mortalità stradale e negli ultimi anni hanno anche registrato riduzioni al di sotto della media.

L’UE, e i suoi Stati membri, hanno concordato l’obiettivo di dimezzare la mortalità stradale nel decennio fino al 2020. A un anno dalla disponibilità dei dati completi per il 2020, questo obiettivo sarà quasi certamente mancato.  È probabile che ciò avvenga anche tenendo conto del significativo calo di morti per incidenti stradali verificatosi in diversi paesi negli ultimi mesi a causa delle politiche di blocco della Covid-19.

Antonio Avenoso, Direttore Esecutivo del Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti, ha commentato: “Mentre i progressi in tutta Europa sono stati deludenti negli ultimi nove anni, alcuni paesi hanno tranquillamente subito una rivoluzione della sicurezza stradale.  Siamo lieti di premiare l’Estonia quest’anno per i suoi notevoli progressi, dopo la vittoria dell’Irlanda nel 2019. Nel complesso, gli Stati membri dell’UE – prosegue Avenoso – dovranno accelerare la marcia per raggiungere i nuovi obiettivi per il 2030.  Ma la recente risposta all’epidemia di Covid-19 potrebbe indicare una via da seguire.  Un drastico spostamento verso gli spostamenti a piedi e in bicicletta nelle aree urbane, insieme a cambiamenti infrastrutturali e limiti di velocità più bassi, potrebbe avere un impatto massiccio sulla morte e sulle lesioni da incidente stradale.  Ma se torniamo al solito modo di fare affari dopo questa crisi, i risultati potrebbero essere ancora peggiori di prima.  Ci sono già segnali di pericolo nel gran numero di infrazioni per eccesso di velocità che vengono segnalate quando le serrate vengono revocate, il che non fa che aumentare il lavoro della polizia e dei servizi di emergenza che si trovano in condizioni di sovraccarico”.

La sicurezza stradale nell’UE vedrà probabilmente un incremento nel prossimo decennio grazie alla nuova legislazione sugli standard minimi di sicurezza dei veicoli e delle infrastrutture concordata l’anno scorso.  Ma molto dipenderà dalle norme tecniche dettagliate per le nuove leggi, che sono in fase di elaborazione. L’ETSC è particolarmente preoccupato per i requisiti della tecnologia Intelligent Speed Assistance (ISA) per le nuove auto, e per gli standard di “visione diretta” (per migliorare la visibilità intorno al veicolo per i conducenti) per i nuovi veicoli pesanti, che rischiano entrambi di essere indeboliti a seguito della pressione dell’industria automobilistica.