Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Rifiuti speciali, il 43% è prodotto dalle demolizioni e ricostruzioni

Photo credit: Architettura Ecosostenibile

(come riportato su Edilizia e Territorio)

Rapporto Ispra: produzione totale a quota 143 milioni di tonnellate

Cresce la produzione di rifiuti pericolosi in Italia. Quasi il 43% del totale dei rifiuti speciali viene dal settore delle costruzioni e demolizioni.

È quanto emerge dalla diciannovesima edizione del Rapporto Rifiuti Speciali dell’Ispra, che ogni anno fornisce un quadro di informazioni oggettivo e puntuale sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi. Il lavoro, realizzato dall’Istituto in collaborazione con SNPA, esamina oltre 60 indicatori proposti a livello nazionale.

Innanzitutto quindi aumenta (del 3,3%) la produzione dei rifiuti speciali in Italia che arriva così a superare i 143 milioni di tonnellate. I rifiuti non pericolosi, che rappresentano il 93% del totale di quelli prodotti, crescono di oltre 4 milioni di tonnellate (+3,3%), mentre quelli pericolosi di 376mila tonnellate (+3,9%).

Confermata l’incidenza del settore costruzioni e demolizioni sulla produzione complessiva: con oltre 60 milioni di tonnellate è quello che concorre maggiormente (42,5% del totale prodotto), seguito dalle attività di trattamento dei rifiuti e di risanamento – ad esempio, le bonifiche – (oltre 38 milioni di tonnellate prodotte che contribuiscono al 26,5% del totale) e dall’insieme delle attività manifatturiere la cui produzione, 28,6 milioni di tonnellate, sfiora il 20%.

Le altre attività economiche contribuiscono, complessivamente, alla produzione di rifiuti speciali con una percentuale dell’11% (15,8 milioni di tonnellate).

Il rapporto Ispra