Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Mulé: “Caso autostrade chiuso in farsa e da due anni nessuno previene i pericoli”

Photo credit: Stradafacendo

(come riportato da Stradafacendo)

“I Benetton hanno ceduto? Macché, è il governo che si è inginocchiato davanti a loro, tanto vituperati.

Altro che revoca, altro che angeli vendicatori impazienti di calare la mannaia senza aspettare i tempi della giustizia dopo il crollo del ponte Morandi: la verità sull’accordo – e non revoca – trail governo e Atlantia per la gestione di Autostrade certifica l’inconsistenza di un governo che non riesce ad andare oltre la soglia dei proclami e degli annunci”.

A ribaltare completamente il punto di vista sulla soluzione del “caso gestione autostrade” è Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, secondo il quale “i termini dell’accordo dicono chiarissimamente che la strada dell’esecutivo è stata quella di negoziare le clausole del disimpegno progressivo di Atlantia da Autostrade con il solito ingresso di soldi pubblici nella società secondo il solito schema venezuelano applicato all’Italia.

Insomma, in questa ridicola farsa, i 5Stelle con il oro improvvisati compagni di viaggio del Pd hanno dimostrato ancora una volta di che pasta sono fatti: pasta frolla”.

Una “pasta frolla” dimostrata, sempre secondo Giorgio Mulè, del resto durante tutti i due anni seguiti al crollo del ponte Morandi nei quali, è l’attacco finale, “il Governo che ha perso tempo per la negoziazione, non ha fatto assolutamente nulla per monitorare in modo tranquillizzante tutti i ponti della rete.

Il Governo, anziché procedere con proclami farlocchi sulla revoca, avrebbe dovuto pretendere e controllare che tutti i ponti fossero adeguatamente controllati circa il loro stato di salute. Ciò sta a significare che la tragedia del ponte Morandi non ha insegnato nulla. E questa è una tragedia nella farsa”.

Share, , Google Plus, LinkedIn,