Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

MIT: un decreto sulla sperimentazione della guida autonoma

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

Smart Road: dove poter fare le prove sulle autostrade, strade extra-urbane principali e secondarie

È stato messo a punto dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti il decreto che autorizza la sperimentazione delle auto a guida autonoma, cioè senza conducente.

Il testo, composto da 75 pagine e 22 articoli, definisce i luoghi dove testare le nuove vetture, chi può farlo e le condizioni da rispettare.

Come riportato da La Stampa, in primo luogo vengono individuate le Smart Road cioè un insieme di infrastrutture stradali, piattaforme tecnologiche e servizi che hanno l’obiettivo di ridurre l’incidentalità stradale e l’interoperabilità con i veicoli di nuova generazione.

L’autorizzazione alle prove può essere richiesta sia per le autostrade e le strade extraurbane principali che per quelle secondarie così da poter verificare sia la capacità di reazione a possibili frenate, manovre ad alte velocità e presenza di lavori in corso sia testare la guida in città e quindi alla presenza di cicli, motocicli, pedoni e animali. Senza dimenticare i sistemi di controllo del traffico, come rotonde o semafori.

Le aree interessate alla sperimentazione dovranno essere definite e facilmente individuabili. Inoltre dovranno essere sottoposte al controllo delle condizioni meteo.

L’autorizzazione alla sperimentazione può essere chiesta dai costruttori del veicolo o delle tecnologie di guida automatica, ma anche da istituti universitari ed enti pubblici e privati di ricerca. Nella domanda di sperimentazione, il richiedente deve indicare la velocità massima alla quale intende effettuare i test del mezzo, il numero massimo di persone previste a bordo.

Per tutta la durata dell’autorizzazione, il titolare è tenuto a produrre e consegnare entro 15 giorni un rapporto puntuale su eventi o problemi di qualsiasi natura che hanno coinvolto il sistema sperimentato e che possono avere risvolti ai fini della sicurezza anche solo potenziali, da consegnare entro quindici giorni dall’evento.

La conduzione su strada del veicolo automatizzato durante la sperimentazione è effettuata da un supervisore adeguatamente formato.