Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Covid19: dal Mit misure a sostegno di imprese trasporto merci e passeggeri

(come riportato da Trasporti-Italia.com)

Il Decreto approvato dal Governo per far fonte alle conseguenze economiche dell’emergenza epidemiologica Covid19 contiene fondamentali misure a sostegno degli autotrasportatori, “che stanno compiendo, assieme a tante altre categorie, un sacrificio straordinario ed essenziale per la tenuta economica e sociale del Paese, e più in generale per tutti i gestori di trasporto merci e trasporto passeggeri, terrestre, aereo e marittimo, dei taxi e delle imprese di noleggio con conducente”.

Lo scrive il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in una nota che illustra tutte le misure per il settore.

Introdotta l’estensione della cassa integrazione per tutelare le aziende e i lavoratori. Inoltre, verranno sospesi fino al 30 aprile i versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali, insieme agli adempimenti tributari con scadenza compresa tra l’8 marzo 2020 ed il 31 maggio 2020.

Il Decreto dispone, inoltre, l’esonero dalla tassa di ancoraggio – comunque rimborsata all’Autorità di sistema portuale mediante il trasferimento di risorse pubbliche – fino al 30 aprile prossimo, la sospensione dei canoni relativi alle operazioni e concessioni portuali fino al 31 luglio e il differimento del pagamento dei diritti doganali per alcune categorie di operatori professionali.

Viene autorizzata infine (fino al 31 ottobre) la circolazione dei veicoli che devono essere sottoposti a revisione entro il 31 luglio.

Vengono stanziati 2 milioni e 964mila euro di risorse straordinarie per il potenziamento delle attività delle Capitanerie di Porto in relazione all’emergenza Covid19, fondamentali per garantire la funzionalità dei porti e il transito delle merci.

Il Decreto prevede un contributo di 2 milioni di euro ai taxi e alle imprese con noleggio di conducente perché si possano dotare di divisori da installare negli abitacoli tra l’autista e i passeggeri.

Nel provvedimento viene introdotta una proroga fino al 15 giugno della validità dei certificati, degli attestati e dei permessi autorizzativi concessi in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020. Proroga fino al 31 agosto anche della validità dei documenti di identità e di riconoscimento, comprese le patenti di guida e le patenti nautiche.​