Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Controllo del traffico, in prima linea anche l’Anas

(come riportato da Carlo Argeni)

Il personale della Società impegnato, nei posti di blocco, nella gestione della viabilità

A fianco delle Forze dell’Ordine quotidianamente impegnate nelle attività di controllo dei veicoli ci sono, sempre più spesso, uomini e mezzi dell’Anas.

I filtraggi attivati lungo la rete stradale e autostradale statale gestita dalla Società vedono le Squadre di Pronto Intervento e quelle di Manutenzione delegate alla gestione della viabilità.

Il traffico veicolare è incanalato, quando possibile, soprattutto nelle stazioni di servizio (come avvenuto, di recente, sull’A90 Grande Raccordo Anulare e sull’A2 Autostrada del Mediterraneo).

Agenti e carabinieri procedono alla verifica della legittimità degli spostamenti sul territorio, con riferimento alle attività finalizzate al contenimento e al contrasto della diffusione del virus Covid-19. Una sinergia operativa tra Polizia Stradale, Arma dei Carabinieri e Anas che consente lo svolgimento delle verifiche sulle autocertificazioni in condizioni di massima sicurezza per gli utenti e gli Operatori stessi.

Il personale dell’Anas, ai sensi dell’articolo 12 del Codice della Strada, può essere abilitato allo svolgimento del servizio di polizia stradale a seguito del superamento di un esame di qualificazione, a sua volta preceduto da un corso di formazione.

L’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale spetta in via principale, come noto, alla specialità Polstrada della Polizia di Stato. A fianco delle Forze dell’Ordine quotidianamente impegnate nelle attività di controllo dei veicoli ci sono, sempre più spesso, uomini e mezzi dell’Anas. I filtraggi attivati lungo la rete stradale e autostradale statale gestita dalla Società vedono le Squadre di Pronto Intervento e quelle di Manutenzione delegate alla gestione della viabilità.

Il traffico veicolare è incanalato, quando possibile, soprattutto nelle stazioni di servizio (come avvenuto, di recente, sull’A90 Grande Raccordo Anulare e sull’A2 Autostrada del Mediterraneo). Agenti e carabinieri procedono alla verifica della legittimità degli spostamenti sul territorio, con riferimento alle attività finalizzate al contenimento e al contrasto della diffusione del virus Covid-19. Una sinergia operativa tra Polizia Stradale, Arma dei Carabinieri e Anas che consente lo svolgimento delle verifiche sulle autocertificazioni in condizioni di massima sicurezza per gli utenti e gli Operatori stessi.

Il personale dell’Anas, ai sensi dell’articolo 12 del Codice della Strada, può essere abilitato allo svolgimento del servizio di polizia stradale a seguito del superamento di un esame di qualificazione, a sua volta preceduto da un corso di formazione. L’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale spetta in via principale, come noto, alla specialità Polstrada della Polizia di Stato.