Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Un autobus elettrico e a guida autonoma per la nuova mobilità urbana

Tommaso Gecchelin, fondatore di Next Future Transportation, ha progettato l’autobus del futuro con l’ausilio di un app.

Grazie all’idee di innovative del 32enne Tommaso Gecchelin, giovane laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Padova, in Disegno Industriale presso l’Università IUAV di Venezia e Fondatore di Next Future Transportation, in un prossimo futuro gli autobus, grazie ad un App, potranno venirci a prendere a casa e portarci a destinazione.

La società Next Future Transortation, fondata da Gecchelin, ha lavorato al progetto di questo veicolo a guida completamente autonoma, che porterà all’Expo di Dubai nel 2020, città che da subito ha mostrato interesse al progetto.

Il veicolo elettrico destinato a rivoluzionare l’approccio tradizionale al trasporto pubblico, sarà dotato di cabine, sedie e posti in piedi, ma anche, di angoli bar, bagni e tavoli e completamente interconnessi.

Le cabine dei bus si potranno sganciare ed agganciare di volta in volta in base ai flussi calcolati da un algoritmo che raccoglie in tempo reale le destinazioni richieste dagli utilizzatori.

Grazie all’App, appositamente ideata, l’autobus ci potrà raggiungere in qualsiasi punto della città e potrà trasportarci nel luogo desiderato e se in un bus una parte dei passeggeri deve raggiungere una destinazione e una parte un’altra destinazione i diversi moduli resteranno agganciati per la prima tratta per poi sganciarsi diventando due o più minibus autonomi diretti ciascuno in un luogo diverso.

Il progetto ha suscitato un grande interesse poiché oggi la mobilità elettrica rappresenta un importante opportunità per l’economia, sia in Italia che nel resto del mondo.

Ora, dopo la presentazione a Berlino alla Fiera Innotrans, e all’attenzione da parte della stampa internazionale, in vista dell’Expo 2020 e del Comune di Padova, che ha messo a disposizione gratuitamente un’area per i test su strada, il progetto è in cerca di finanziatori per arrivare all’omologazione europea necessaria per la “messa in strada” dei veicoli.