Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Smart Mobility e Intelligenza Artificiale: in Autodromo a Monza auto a guida autonoma

Si ringrazia lo staff di Monzadiretta.it per la foto pubblicata

Il Vicepresidente di Regione Lombardia ha riunito a Palazzo Pirelli il tavolo a tema ‘Smart Mobility e Intelligenza Artificiale’ con tutti i principali protagonisti dell’Industria dell’automotive.

Presente all’incontro anche Bryn Balcombe, Chief Strategy Officer di ‘Roborace’, che sarà il Campionato mondiale di auto senza pilota con veicoli alimentati elettricamente e a guida autonoma orientati all’Intelligenza Artificiale.

“Stiamo lavorando per portare in Autodromo a Monza il Campionato mondiale di auto a guida autonoma ‘Roborace’. Vogliamo valorizzare le potenzialità del nostro Autodromo che può diventare un laboratorio dove sperimentare tecnologie innovative, anche nell’ottica di questa competizione e un hub di innovazione con il supporto di Università, Imprese del settore e Istituzioni”.

Lo ha detto il Vicepresidente di Regione Lombardia e Assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle Imprese che ha promosso il momento di lavoro e ne ha coordinato l’attività.

“È un piacere per me essere qui in Regione Lombardia, una terra con una grande tradizione per il motorsport e con il terzo circuito più antico al mondo” ha detto Bryn Balcombe, Chief Strategy Officer di Roborace.

CAPITALE DELLA CREATIVITA’ – “Considerando che ci stiamo muovendo in una nuova era in termini di veicoli autonomi e Intelligenza Artificiale – ha proseguito – trovo che possa essere molto interessante assistere al ruolo che Regione Lombardia giocherà in questo campo e progettare di portare ‘Roborace’ anche nell’Autodromo di Monza. Uno dei settori più importanti in questo ambito è proprio la creatività e Milano e la Lombardia ne rappresentano l’apice mondiale”.

I PRESENTI – Hanno partecipato al ‘Tavolo’ rappresentanti sia delle Case produttrici sia dei componentisti tra cui Altran, Brembo, Daimler, Dallara, Fiat Chrysler, Ford, Iveco, Magneti Marelli, OMR, Pirelli, Streparava e Tesla.

Sono intervenuti anche rappresentanti del Cluster Lombardo Mobilità, Politecnico di Milano, Autodromo di Monza, Concessioni Autostradali Lombarde, Confindustria Lombardia, EC – Joint Research Centre di Ispra, Fondazione Giannino Bassetti, The European House Ambrosetti e Vodafone.

Tra i presenti anche rappresentanti di Saipem in quanto, tra gli obiettivi del Tavolo e tra i temi più trattati, vi è anche quello sui carburanti del futuro e di nuova generazione.

CREIAMO CONDIZIONI PER RISPONDERE A NUOVE SFIDE TECNOLOGICHE – “Con questo Tavolo – ha rimarcato il Vicepresidente – vogliamo favorire lo sviluppo di sperimentazioni in ambito di mobilità avanzata e contribuire, in partnership con tutti gli attori dell’ecosistema, sia produttori che componentisti, alla creazione delle condizioni per rispondere alle sfide tecnologiche, sociali e culturali in atto valorizzando i punti di forza del nostro territorio”.

L’80% DEI COMPONENTI DEI VEICOLI E’ PRODOTTA IN LOMBARDIA – Quello lombardo rappresenta uno dei principali poli del settore con componentisti eccellenti che forniscono l’80% del valore di un veicolo.

Molti componenti per i veicoli assemblati nel mondo sono infatti prodotti proprio in Lombardia. Secondo alcune stime, inoltre, entro il 2035 il 75% delle auto saranno a guida autonoma o assistita.

TECNOLOGIE DEL FUTURO – Si prevede anche che da qui al 2025 arrivino a convivere una pluralità di tecnologie con quote pari a circa il 21% per le tecnologie tradizionali (ICE), al 49% per le tecnologie ibride, al 20% per l’elettrico e al 9% per le tecnologie emergenti come l’idrogeno.

Il settore automotive in Lombardia conta più di 1000 aziende, un terzo di quelle italiane, ha un fatturato annuo pari a 20 miliardi, in tutta Italia sono 40 miliardi e ha oltre 50.000 dipendenti diretti.