Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Sicurezza stradale: Anas partecipa alla giornata mondiale per le vittime della strada

Nel corso della manifestazione, organizzata da Graziella Viviano e dalla Onlus Marco Pietrobono, saranno presentate le barriere Anas progettate da un team di ingegneri della Società

Anas (Società del Gruppo FS Italiane) sarà presente domenica 17 novembre, dalla 10 alle 13, a Piazza del Campidoglio a Roma in occasione della Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada. La manifestazione che si terrà contemporaneamente in tutte le piazze del mondo, nella Capitale è stata organizzata da Graziella Viviano, mamma di Elena Aubry, con il supporto della Onlus Marco Pietrobono.

Nel corso della giornata, saranno presentate le barriere Anas progettate da un team di ingegneri della Società. L’Azienda, da sempre in prima linea per la sicurezza di chi viaggia, interviene su due fronti per offrire un viaggio sicuro: il potenziamento della manutenzione sulle proprie strade e diverse iniziative volte a sensibilizzare gli utenti sull’importanza di una guida attenta.

Sul primo fronte, l’aumento della spesa in attività di manutenzione programmata lungo i 30.000 chilometri in gestione negli ultimi anni ha permesso un graduale miglioramento delle condizioni dell’infrastruttura stradale gestita da Anas.

Un trend in linea con quanto stabilito dalla rimodulazione del Contratto di Programma 2016-2020, che prevede il passaggio da 23,4 miliardi a un totale di 29,9 miliardi di investimenti. Di questi, 15,9 miliardi (+44% rispetto a prima), pari al 53% del complessivo, sono destinati a manutenzione programmata, adeguamento e messa in sicurezza mentre 14 miliardi, pari al 47 del totale, sono destinati a nuove opere e completamenti itinerari.

In piazza del Campidoglio, domenica, Anas sarà presente anche con la campagna di sensibilizzazione “Guida e basta” realizzata con la Polizia di Stato per accendere un faro sulle tragiche conseguenze che possono derivare dalla distrazione al volante.

Si esibiranno i Punto.exe, i due giovani ragazzi della Basilicata vincitori, con il loro brano (In)sicurezza della seconda edizione del contest musicale promosso da Anas nell’ambito delle varie iniziative dedicate alla sicurezza. La musica, infatti, può essere un veicolo molto potente per la diffusione di messaggi relativi al rispetto del codice della strada e avere grande impatto sulle nuove generazioni.