Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Mobilità, il futuro è con droni anche per trasporto persone

In una nota di Le Strade dell’Informazione si legge che l’utilizzo di droni per il trasporto delle persone è la prossima frontiera dell’innovazione nel settore dei trasporti

Il futuro, nemmeno troppo lontano, della mobilità a Milano potrebbe essere l’utilizzo di droni non solo per il trasporto di oggetti ma anche delle persone.

E secondo uno studio internazionale Milano è al 27/o posto a livello mondiale come potenziale di crescita di questa innovazione.

Di questo e altro si discuterà nel corso della settima edizione di Citytech, evento dedicato alle tecnologie legate alla mobilità, che si terrà a Milano il 20 e 21 novembre al Luiss Hub di Porta Nuova e che è stato presentato a Palazzo Marino, sede del Comune.

Una intera sessione sarà dedicata appunto alla Urban Air Mobility, considerata la prossima frontiera dell’innovazione nel settore dei trasporti e verrà presentato lo studio condotto da Nexa Advisor, che ha preso in esame 74 città nel mondo tra le più idonee ad ospitare nuovi servizi di mobilità aerea.

“La crescita del settore dei droni, con applicazioni logistiche e trasporto di oggetti o passeggeri ha creato le condizioni per ripensare la mobilità”, ha detto Carlo Iacovini, partner di Clickutility on Earth che promuove l’evento.

I principali modelli di business si basano su trasporti di emergenza, per e tra ospedali, logistica urbana per oggetti di piccole dimensioni e servizi trasporto persone a media distanza.

Milano è al 27/o posto tra le città analizzate con una previsione di oltre 1,88 miliardi di dollari di ricavi derivanti da questi servizi entro il 2040, attraverso l’utilizzo di 15 eliporti già esistenti a cui si dovrebbero aggiungere 14 nuovi vertiporti, infrastrutture per il decollo e atterraggio verticale.

La domanda di passeggeri stimata è di oltre 1 milione di persone all’anno.