Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Ma i soldi promessi per mettere in sicurezza la A24 e la A25 ci sono?

Si ringrazia lo staff di Il Messaggero.it per la foto pubblicata

I soldi per realizzare i lavori per la messa in sicurezza sismica sull’A25 e A25 ci sono o non ci sono nelle casse dello Stato?

La domanda sorge spontanea dopo la lettura di quanto affermato direttamente dai gestori dell’Autostrada A24 Strada dei Parchi, secondo i quali dietro quello che il Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli ha liquidato come un banale “cavillo del Ministero per l’Economia e le Finanze” si potrebbe invece celare un “fatto grave”.

Al centro del caso la presunta mancanza di copertura finanziaria, con relativa scomparsa di una parte dei fondi previsti nel decreto Genova, e la decisione del Ministero dell’Economia e Finanze guidato da Giovanni Tria di fermare il decreto nella parte che dà attuazione al “protocollo d’intesa sui lavori urgenti su A24 e A25, per mancanza di copertura finanziaria”.

Col risultato che la Corte dei Conti non potrà registrare il protocollo d’intesa sui lavori di A24 e A25 e che, di conseguenza, non ci potranno essere neppure le delibere per avviare i lavori?

Il Ministro Toninelli ha ribadito però che si tratta solo di un cavillo tecnico contabile sollevato dal Mef e in via di risoluzione e che le risorse per l’importante messa in sicurezza delle due infrastrutture che collegato Lazio e Abruzzo ci sono e non sono in discussione.