Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

L’Intelligenza Artificiale al servizio del nostro pianeta Terra

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

I leader della tecnologia devono agire in maniera responsabile attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale ed anche incentivando il riciclo dell’elettronica usata

Sembra quasi strano che in questi giorni, mentre sembra che ci stiamo avvicinando a un progetto incentrato sull’uomo, stiamo volando oltre queste considerazioni, facendo un chiaro focus sull’intelligenza artificiale (AI).

Come riporta Alex Moltzau di medium.com, oggi nelle comunità interessate all’etica come lo Stanford Institute for Human-Centered Artificial Intelligence (HAI) stanno facendo un ottimo lavoro per comunicare l’importanza dell’uso responsabile dell’AI. Nonostante ciò, si organizzano proteste climatiche su larga scala in tutto il mondo e i produttori di tecnologia digitale ne sono sempre più consapevoli.

Non è più tempo di agire in modo irresponsabile nella tecnologia, non c’è più molto tempo per tentare di salvare il pianeta. Non più. In effetti, i cambiamenti climatici sono già un punto chiaro per diverse aziende tecnologiche e devono esserlo in misura ancora maggiore, ma come possiamo fare per rendere l’intelligenza artificiale rispettosa del clima o addirittura sostenibile?

La risposta non è così semplice. Potremmo dover adottare una mentalità applicata ad altri settori della società, vale a dire considerare il consumo insieme al riciclo e riuso dei materiali. Dobbiamo ridurre, riutilizzare e riciclare nel campo dell’intelligenza artificiale, ma come potrebbe apparire tutto questo nella pratica?

Ad esempio attraverso un cambiamento di mentalità da parte di tutti, utilizzando elettronica riciclata, a partire dall’azienda fino al consumatore, il quale a sua volta dovrebbe porsi anche alcuni quesiti quali ad esempio:

Sono a conoscenza dei materiali utilizzati nei prodotti elettronici che acquisto?

Il prodotto che sto acquistando può essere riciclato?

Il prodotto che sto acquistando è un hardware aperto o è facile cambiare le parti in modo da poterlo riparare invece di acquistarne uno nuovo?

L’elettronica richiede molta energia e risorse per essere costruita e manutenuta. È fondamentale che ogni azienda che ne fa uso consideri le proprie emissioni e si consideri responsabile del riciclaggio di ogni singolo prodotto elettronico che passa attraverso i propri padiglioni, e che renda noti tali requisiti a tutte le proprie reti aziendali.

Il campo dell’AI riguarda il software, ma ovviamente anche l’hardware. Tutto questo processo si concentra sulla salute del nostro pianeta, dobbiamo tenere presente il concetto di sostenibilità, la salute dell’ambiente è in continuo peggioramento, dunque diventiamo sempre più consapevoli di quanto le conseguenze negative di tutto ciò stiano incidendo su tutta l’umanità e non solo, ma in generale sulla vita che riguarda anche le altre specie viventi, le piante, gli animali, la natura nel suo insieme.

Essere in grado di sostenerci significa prendersi cura gli uni degli altri. L’uso insieme di questi diversi concetti potrebbe essere fruttuoso, ma è importante assicurarsi che tutti i progetti centrati sull’uomo non dimentichino l’importanza di essere responsabili nei confronti del clima.

Il pianeta ha bisogno di una tecnologia più responsabile. Ne abbiamo bisogno anche noi.