Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

La Ministra De Micheli annuncia per la prossima settimana lo sblocco del Passante di Bologna

Photo credit: Corriere di Bologna

Il Presidente Bonaccini: “Una conferma molto importante, che risponde in modo positivo all’impegno che aveva preso qui a Bologna il mese scorso. Anche questi cantieri potranno partire il prossimo anno”

Dopo la formalizzazione del via libera all’opera, si riunirà la Conferenza dei servizi. Il via libera al Passante di Bologna arriva dopo lo sblocco della Campogalliano-Sassuolo

Bologna – “Bene lo sblocco del Passante di Bologna e l’avvio della Conferenza dei servizi: è una conferma molto importante e attesa quella che arriva oggi dalla ministra De Micheli”.

Così il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, dopo che questa stamattina la Ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, ha annunciato che la prossima settimana firmerà l’atto che sblocca il Passante di Bologna, cui potrà seguire la convocazione della Conferenza dei servizi, che darà il via libera operativo alla realizzazione dell’opera.

“Il mese scorso- ha proseguito il Presidente Bonaccini- appena insediato il nuovo esecutivo, invitammo la Ministra a Bologna per fare il punto sulle priorità dell’Emilia-Romagna, assieme a tutte le Rappresentanze istituzionali e sociali del territorio.

In quella sede, rappresentammo insieme la necessità di sbloccare le opere, per sostenere la nostra economia e accrescere la vivibilità delle nostre città. E tra queste c’è certamente il potenziamento della tangenziale e dell’attraversamento autostradale di Bologna, il cui progetto era già finanziato dal concessionario e aveva superato positivamente l’analisi costi-benefici voluta dal precedente Governo”.

“La conferma oggi che la prossima settimana potrà procedere anche il Passante – conclude il Presidente della Regione- dopo lo sblocco della Bretella Campogalliano-Sassuolo, conferma gli impegni assunti dalla Ministra De Micheli e corrisponde finalmente alle aspettative dell’Emilia-Romagna. Ci sono le condizioni perché l’anno prossimo possano finalmente aprire anche questi cantieri”.