Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

De Micheli: presto sul sito contatore opere sbloccate

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

Lo ha annunciato la Ministra all’Assemblea Anci di Arezzo. Intanto entra in vigore il decreto attuativo dell’Archivio Informatico Nazionale delle Opere Pubbliche (AINOP)

“Presto sul sito del ministero delle Infrastrutture ci sarà il contatore delle opere sbloccate. La sfida sarà trasformare le risorse stanziate in passato in somme da poter spendere per poter far partire i cantieri”.

Ad annunciarlo, la ministra delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, all’assemblea Anci di Arezzo. La ministra ha spiegato che un passaggio decisivo per velocizzare i lavori sarà il varo del regolamento unico del codice appalti in arrivo a dicembre.

De Micheli ha di recente firmato il decreto di nomina della commissione di 13 esperti che dovrà elaborare un testo aperto da sottoporre agli operatori.

Le prime indiscrezioni sul regolamento, come scrive Italia Oggi, parlano di un testo già molto corposo (più di 200 articoli) ma secondo De Micheli tutto ciò era inevitabile. “Abbiamo bisogno di certezza e il regolamento è uno strumento interpretativo indispensabile perché noi abbiamo avuto una stratificazione normativa velocissima con cambi di codice in quattro anni.

Ora c’è bisogno che gli operatori (i sindaci, le amministrazioni pubbliche e le imprese) abbiano qualche certezza. Io vorrei usarlo come strumento di semplificazione ma anche di certezza interpretativa», ha dichiarato la numero uno del dicastero di Porta Pia.

All’interno dell’assise dell’Anci, De Michelli è anche intervenuta all’assemblea degli amministratori provinciali dell’Upi. Alle province la ministra ha ammesso “le decisioni sbagliate” prese dai precedenti governi nei confronti degli enti intermedi e ha assicurato l’impegno del Mit non solo sul fronte delle risorse ma anche su quello ordinamentale, a cominciare dalla richiesta delle province di essere incluse nei fondi per la progettazione stanziati dalla Manovra (2,7 miliardi) ad oggi appannaggio dei soli comuni.

“Il Mit ha espresso parere favorevole all’emendamento Upi che chiede il riconoscimento dei fondi alle province”, ha dichiarato la ministra. “Va da sé che per fare progettazione le province hanno bisogno di tecnici e per questo il mio auspicio è che vengano messe nelle condizioni di inaugurare una nuova stagione di assunzione di personale qualificato”.