Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

De Micheli: “Le scelte si misurano sempre sulla base dei risultati”

(come riportato su Le Strade dell’Informazione)

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, su “La Stampa” di oggi, fa un punto sul futuro di Alitalia, sulla fusione Anas e Ferrovie dello Stato, sulla legge di bilancio, sui seggiolini anti-abbandono e sui monopattini elettrici

Su “La Stampa” di oggi, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, intervistata da Flavia Amabile, fa un punto sul futuro di Alitalia, sulla fusione Anas e Ferrovie dello Stato, sulla legge di bilancio, sui seggiolini anti-abbandono e sui monopattini elettrici.

Su Alitalia “la decisione è nelle mani del Mise. Credo però che il tempo per capire ci sia stato. La vicenda è in corso da mesi. Ormai ci siamo ed è necessario avere delle certezze su come si comporrà il consorzio che effettuerà il rilancio”.

Sulla fusione tra FS e Anas “ero contraria e lo dissi a chi di dovere. Il mio compito ora è di fare in modo che tutto proceda nel migliore dei modi”, dice De Micheli. “Le scelte si misurano sempre, e soltanto sulla base dei risultati.

Questo sarà il mio modo di procedere. Stiamo mettendo in campo un sistema di misurazione dei risultati. Valuteremo i cantieri, le risorse, i tempi, mettendo da parte le opinioni”. Nell’intervista De Micheli difende la legge di bilancio: “Questa manovra è un miracolo. Avevamo la tassa-Papeete ereditata da Salvini di 23 miliardi. L’abbiamo evitata sostenendo e ampliando tutte le misure per spingere nuovi posti di lavoro, dagli investimenti innovativi, alle infrastrutture, i bonus edilizia, il bonus facciate, il piano casa, industria 4.0”, rivendica.

“Ora possiamo concentrarci su come combattere il fatto che solo il 45% degli italiani lavori contro il 69% di chi vive in altri Paesi europei”. Parlando dei seggiolini anti-abbandono, “l’obbligo resta. Abbiamo predisposto un emendamento governativo per rinviare l’entrata in vigore delle sanzioni, perché abbiamo avuto la prova che non c’era un numero sufficiente di seggiolini sul mercato”, spiega la Ministra.

“So che sarebbe stata necessaria una campagna pubblicitaria ma i tempi non lo hanno permesso. Ci stiamo lavorando e al più tardi a dicembre saremo in Tv. Nel frattempo mi auguro che questo clamore sia servito almeno a sensibilizzare tutti”.

Quanto ai monopattini elettrici, “nei prossimi giorni apriremo un confronto con i comuni per definire meglio le prescrizioni di questa nuova mobilità”, conclude De Micheli.