Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Anas: Gemme, investiamo 30 miliardi per il rilancio del settore e dell’economia

Anas ha un piano di 30 miliardi per rilanciare le infrastrutture nel Paese. Lo ha sottolineato Claudio Andrea Gemme, presidente di Anas (Gruppo FS), a margine del 49mo convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria

“Le risorse sono fondamentali, ma bisogna poterle spendere. Il Governo ha operato e sta operando con diverse iniziative legislative volte a velocizzare l’avvio dei lavori, oltre che far ripartire quelli bloccati.

Con queste nuove norme, tra cui lo Sblocca cantieri, prevediamo un notevole abbattimento dei tempi per portare i progetti dalla carta ai cantieri, sia per le nuove opere sia per gli interventi di manutenzione programmata”. Così il presidente di Anas, Claudio Andrea Gemme al convegno dei Giovani Imprenditori di Confindustria.

“Il nostro contratto di programma con il ministero delle Infrastrutture, in corso di rimodulazione – ha aggiunto – prevede investimenti per 30 miliardi di euro, 15,9 mld, il 53%, per la manutenzione programmata, adeguamento e messa in sicurezza, con un incremento del 44% rispetto a prima, mentre per le nuove opere e completamento itinerari 14 miliardi, pari al 47%.

Si tratta di una straordinaria iniezione di risorse da investire sulle nostre strade che testimonia la forte attenzione del Paese per il rilancio del settore e dell’economia nel complesso”.

“Nel biennio 2019-2020 abbiamo previsto per la manutenzione programmata oltre 1.000 affidamenti, gare pubblicate per 6,9 miliardi e l’apertura di oltre 1.800 cantieri e stimiamo una produzione per circa 1,9 miliardi.

Per le nuove opere già dal 2019 potremo incrementare l’appaltabilità, ha concluso Gemme ricordando che “Anas è il principale gestore di strade in Europa con oltre 30.000 km di rete che richiedono una attenzione costante e investimenti notevoli.

Siamo fortemente impegnati nello sviluppo della connettività del Paese, focalizzata sulla manutenzione programmata e sul potenziamento della rete stradale”.