Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Nuove strade all’Anas. Dal 1° ottobre 243 km dall’Umbria e 150 km dal Molise

Anas, Agenzia del Demanio, Regione Umbria e Province di Perugia e Terni hanno sottoscritto i verbali che attuano il passaggio ad Anas di circa 243 km di strade regionali e provinciali (ex statali) in Umbria. Contestualmente, sono stati trasferiti alla Regione i tratti delle statali 77 “della Val di Chienti” e 318 “di Valfabbrica” ormai sottesi dalle nuove direttrici realizzate da Quadrilatero per 45 km complessivi.

Le strade umbre interessate

Passano da Regione Umbria ad Anas le seguenti ex strade statali: 3 “Flaminia” per 21,3 km tra Fossato di Vico e il confine marchigiano; 71 “Umbro Casentinese” per 96 km dal confine con la provincia di Viterbo al confine con la provincia di Arezzo; 74 “Maremmana” per 10,5 km dal confine con la provincia di Viterbo all’innesto della ex SS71; 146 “di Chianciano” per 670 metri nei pressi del confine toscano verso Chiusi; 209 “Valnerina” per 29,2 km da Terni a Sant’Anatolia di Narco; 320 “di Cascia” per 12,2 km da Cascia all’innesto sulla SS685; 361 Septempedana per 10,5 km da Nocera Umbra all’innesto della SS3; 418 “Spoletina” per 16,4 km tra Acquasparta e San Giovanni di Baiano; 452 “della Contessa” per 9,5 km da Gubbio al confine marchigiano; 471 “di Leonessa” per 15,7 km dal confine con la provincia di Rieti all’innesto della SS685.

Passano inoltre da Provincia di Perugia ad Anas i tratti delle strade provinciali 169, 170 e 172 che compongono il percorso Pierantonio (innesto E45) – San Giovanni del Pantano – Mantignana (innesto raccordo Perugia-Bettolle) per complessivi 20,6 km. Infine, passano da Anas a Regione Umbria i tratti delle strade statali 77 “della Val di Chienti” e 318 “di Valfabbrica” per complessivi 45 km ormai sottesi dalle nuove direttrici realizzate nell’ambito del progetto Quadrilatero, rispettivamente Foligno-Civitanova Marche e Perugia-Ancona.

Inoltre, Anas, Agenzia del Demanio, Regione Molise e Province di Campobasso ed Isernia hanno sottoscritto i verbali che attuano il passaggio ad Anas di 150 km di strade provinciali del territorio. Contestualmente, sono stati trasferiti agli Enti Provinciali circa 47 km complessivi di statali comprese tra Campobasso ed Isernia.

Le strade molisane interessate

Passano dalle Province ad Anas tratti delle seguenti strade provinciali: strada provinciale 1 (ex SS 627) ed 1/VAR “della Vandra” dalla provincia di Isenia e Tangenziale Est di Campobasso, SP “Fondo Valle Rivolo”, SP 154 “Sant’Elia” (ex SS87), SP 40 “Adriatica”, SP 146 “Falcionina”, SP 166 “dei Tre Titoli”, SP 159 “Stazione Bonefro-Fondo Valle del Biferno”, SP 163 (ex SS157) “della Valle del Biferno”, SP 150 (ex SS 157) “Palata-Fondo Valle del Biferno” (Variante), SP 163 (ex SS157) “della Valle del Biferno”, SP 139 “Fossaltina”, SP 138 “Fossalto-Pietracupa”, strada provinciale Comunità Montana, SP 41 “Garibaldi”, SP 15 “Trignina” e SP 77 “Chietina” dalla provincia di Campobasso.

Infine, passano da Anas alle Province tratti delle seguenti strade statali: alla provincia di Isernia alcune tratte della ex SS85 “Venafrana” ed ex SS158, mentre alla provincia di Campobasso tratte della SS647/dir B “Fondo Valle del Biferno”, della SS645, della SS212 “della Val Fortore”, della SS87 “Sannitica” e delle NSA (ex Nuove Strade Acquisite) 366 (ex SS645), 340 e 278 “Variante di Riccia”, 365 (ex 212) e 395 (ex SS87).

Il passaggio, che sarà in vigore dal 1 ottobre prossimo, conclude l’iter di rientro avviato nell’agosto 2017 con l’intesa sancita dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni per la revisione delle reti di 11 Regioni, per circa 3.500 km di strade, e proseguito con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 febbraio 2018 (http://www.stradeanas.it/it/le-strade/rientro-strade). Lo scopo principale è quello di garantire la continuità territoriale degli itinerari di valenza nazionale che attraversano le varie regioni, evitando la frammentazione delle competenze nella gestione delle strade e dei trasporti.