Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Italferr al simposio IGS-UK

Il 18 aprile 2018 si è svolto a  York, in Inghilterra, il simposio “Geosynthetics in railway engineering: working towards 2025”, nel National Railway Museum, organizzato dalla sezione inglese dell’ International Geosynthetics Society (IGS-UK), cui hanno preso parte alcuni rappresentanti delle Ferrovie giapponesi, tedesche, francesi ed inglesi, oltre a Professori Universitari provenienti da Tokio, Praga e Porto.

L’evento, che aveva l’obiettivo di condividere le esperienze mondiali sull’uso dei geosintetici, negli ultimi 30 anni, nelle costruzioni ferroviarie, con particolare attenzione alle linee ad alta velocità, nonché analizzare e verificare gli sviluppi futuri possibili per questi prodotti, ha avuto grande risonanza registrando la partecipazione di tecnici e produttori da tutta Europa.

Per Italferr ha partecipato il Dott. Stefano Ciufegni, della Direzione tecnica – Progettazione area nord,  invitato e ospitato da IGS-UK per parlare delle decennali esperienze italiane sull’ uso dei geosintetici nelle linee ferroviarie comprese quelle ad alta velocità.

L’intervento, “Geosyntetic design and construction: the italian high speed railways”,   ha avuto come oggetto i criteri di progettazione per l’uso dei geosintetici, le specifiche prove per verificarne la durabilità ed infine le proposte per progetti di ricerca che dovrebbero essere sviluppati per implementare ancora maggiormente l’ uso di questi materiali, il cui uso permetterebbe la riduzione dell’impatto ambientale delle opere nonché dei costi globali dell’ infrastruttura.

L’intervento ha riscosso notevole interesse aprendo la strada a futuri confronti, vista anche la decennale esperienza che Italferr ha  maturato in questo ambito.

“Il simposio è stato un’importante  occasione di confronto a livello mondiale ed ha dimostrato ancora una volta che siamo tra i precursori nell’uso di materiali per la costruzione dei rilevati ferroviari” così ha commentato l’esperienza Stefano Ciufegni. “Inoltre ho avuto l’ occasione di visitare e parlare a lungo con i rappresentanti di aziende Italiane come Maccaferri presenti in Inghilterra, sia come produttori che come progettisti con un interessante scambio di esperienze”- così ha proseguito  il nostro collega- “ed è stato forte per me l’orgoglio e  l’onore di rappresentare, in questo consesso, Italferr, un’Azienda altamente apprezzata e riconosciuta ovunque. Un’esperienza unica che spero possa ripetersi presto anche in altre realtà a livello internazionale”.