Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Bonaccini (Emilia Romagna), opere faraoniche? Il passante è strategico

Si ringrazia lo Staff de “La Press” per l’immagine pubblicata.

“Finalmente, dopo 4 mesi e 1 settimana  di silenzio, cosa abbastanza clamorosa se non imbarazzante, al  ministro dirò una cosa molto semplice: che noi abbiamo opere che  riteniamo strategiche, e che non mi paiono peraltro faraoniche, che  completerebbero la dotazione infrastrutturale della quale  l”Emilia-Romagna ha bisogno se vuole continuare a essere una Regione che compete con i territori più avanzati d”Europa e del mondo”.

Così  il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, a  margine della conferenza stampa sulla riapertura del Teatro Galli di Rimini, risponde a chi gli chiede un commento sulle dichiarazioni del  ministro delle  Infrastrutture, stamani a Bologna in  occasione del Saie, e in particolare sul tema del Passante di Bologna, al centro dell”incontro che si svolgerà il 24 ottobre tra ministro e governatore.

“Peraltro – prosegue il presidente dell”Emilia-Romagna – non è un vezzo di Bonaccini e della sua Giunta: c”è un Patto per il lavoro firmato, e lo ricorderò al ministro, nel luglio del 2015 da tutte le  parti sociali di questa Regione, nessuno escluso, che indicava quelle opere, tra cui l”ampliamento del Passante di Bologna, come necessarie e indispensabili per non dare un colpo troppo duro all”economia, alle imprese e al turismo del territorio”.

“Ricorderò e dirò al ministro – sottolinea ancora Bonaccini – che per la particolare posizione geografica in cui si trova questa regione, e  Bologna in primis, fermare l”Emilia-Romagna significa anche fermare  una parte della crescita e delle opportunità di questo Paese perché,  essendo noi gli unici collocati orizzontalmente nello stivale, se vuoi andare da nord a sud o da est a ovest e viceversa, da qui ci devi passare”.

Quindi, precisa Bonaccini, “io mi auguro, e lavoreremo e faremo in modo che” quello del 24 ottobre “sia un incontro  costruttivo, nel quale peraltro si riconosca anche il rispetto delle istituzioni nei territori”.