Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Ugo Patroni Griffi presidente dell’Autorità portuale dell’Adriatico meridionale

Con la recente nomina del chiarissimo prof. Ugo Patroni Griffi, docente i Diritto amministrativo dell’Università degli Studi di Bari, a presidente dell’Autorità portuale dell’Adriatico meridionale, sembra che stia per cambiare in meglio la musica circa la politica portuale, perché dalle sue stesse dichiarazioni rilasciate alla stampa la sua attività operativa si concentrerà non solo sugli scali marittimi di Bari e Brindisi, ma anche sui porti di Manfredonia, Barletta e Monopoli, con i quali i predetti porti fanno sistema, per assicurare lo sviluppo di tutta la vasta area interessata, guardando essenzialmente all’intermodalità e alla logistica integrata».

«Inizia una nuova pagina di storia – scrive Laganà ex sindaco di Monopoli – del modo di operare senza inutili rivalità e senza concorrenza, ma con un serrato e proficuo confronto con gli operatori del settore e con gli enti locali interessati per favorire un partenariato tra pubblico e privato con la realizzazione di opere infrastrutturali utili, basate anche su studi di sostenibilità economica che il Comitato di gestione di futura nomina, con la naturale presenza di rappresentanti della Regione Puglia e degli enti locali interessati, esaminerà attentamente verificando la loro utilità per le realtà esistenti nel bacino».

Laganà ricorda tutti progetti di sviluppo mai realizzati e spera in un cambio di rotta: «Oggi con la nuova Autorità portuale dell’Adriatico Meridionale si spera di programmare e realizzare tutte le opere necessarie per rispondere ai parametri richiesti dall’Unione Europea per un serio ed efficace trasporto di persone e di merci via mare, non solo sfruttando il bando regionale per l’accesso alle risorse europee finalizzate al dragaggio dei porti pugliesi (circa 48 milioni di euro), ma anche utilizzando le risorse previste dalla precedente Autorità portuale».