Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Terza Corsia A4: approvato il progetto Portogruaro-Alvisopoli

Nei primi giorni d’agosto, Deborah Serracchiani, commissario straordinario per i lavori della terza corsia in A4, ha firmato l’approvazione per la realizzazione del sub-lotto Portogruaro-Alvisopoli. Progettato interamente da Autovie Venete, il tratto si sviluppa per circa 9 chilometri dal casello di Portogruaro verso Alvisopoli, comprendendo anche i territori di Teglio Veneto e Fossalta di Portogruaro.

L’investimento è di 172 milioni di euro compresi oneri per la sicurezza, espropri e spostamento delle interferenze. Di questi, 23 milioni sono stati destinati ad interventi di tipo ambientale come barriere fonoassorbenti, spazi verdi di separazione e mascheramento, raccolta e depurazione delle acque piovane e tre canali di gronda.

I lavori per la terza corsia, inoltre, prevedono la costruzione di 16 opere strutturali tra ponti, sottovia e cavalcavia. Oggi è uscito il bando di gara da 106 milioni per la Portogruaro-Alvisopoli e le imprese avranno tempo 45 giorni per presentarsi.

Ci sarà tempo fino al 12 ottobre Per presentare le offerte nella gara di lavori per la sola esecuzione per il sub-lotto 1 (Portogruaro-Alvisopoli) del 2° lotto della realizzazione della terza corsia dell’autostrada A4 tra Mestre e Trieste, con base d’asta 10,281 milioni di euro, ci sarà tempo fino al 12 ottobre. Il 2° lotto tra San Donà di Piave (dove oggi finisce la terza corsia già realizzata, Passante Mestre-San Donà) e Alvisopoli, e il sub-lotto 1 in gara ha per oggetto il tratto di circa 8,5 km tra Portogruaro (innesto raccordo A28) e Alvisopoli, dalla progressiva km 451+021 (ex 54+545) al km 459+776 (ex 63+300), e Canale di Gronda Fosson-Loncon. Dopo l’estate è previsto l’avvio dei lavori sul 1° sub-lotto del 4° lotto (Gonars-Palmanova, 65,4 milioni di euro in appalto), mentre all’inizio del 2018, dopo l’aggiudicazione della gara, il Commissario prevede l’avvio dei lavori del sub-lotto Portogruaro-Alvisopoli, di cui stiamo parlando. «Entro la fine del 2021 e l’inizio del 2022 – scrive il Commissario – tutto il tratto Portogruaro-Palmanova, il più critico e congestionato della A4, potrà contare su tre corsie di marcia, mettendo così l’autostrada in grado di reggere agevolmente i flussi di traffico in costante crescita». Il costo complessivo del 1° sub-lotto (del 2° lotto) è di 172 milioni di euro (comprensivo degli oneri per la sicurezza, gli espropri, lo spostamento delle interferenze) mentre l’importo a base d’asta è di 106.281.360,87 euro. Il tratto, di circa 9 chilometri si sviluppa dalla progressiva chilometrica 451 + 021 alla progressiva chilometrica 459 + 776 dell’autostrada A4 e interessa i comuni di Portogruaro, Teglio Veneto e Fossalta di Portogruaro. Oltre a prevedere l’allargamento della sede autostradale e la realizzazione di 16 opere strutturali, suddivise tra ponti, sottovia e cavalcavia, il primo sub lotto comprende anche la realizzazione del canale di gronda Fosson-Loncon nei comuni di San Stino di Livenza e Annone Veneto, «anticipando parte delle opere inizialmente previste nel terzo sub lotto in modo da dare immediata risposta alle problematiche di carattere idraulico dei territori attraversati». Contratto è a corpo, con categoria prevalente la OG 3, importo 48.421.560,43 euro (classifica VIII, qualificazione obbligatoria). La durata dell’appalto, a base d’asta, è di 960 giorni. La procedura aperta, con aggiudicazione a offerta economicamente più vantaggiosa. Termine per il ricevimento delle offerte: 12 ottobre 2017, apertura delle buste il 18 ottobre.