Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Tavolo sulla Mobilità Sostenibile: analisi dei trend evolutivi del settore

Favorire la mobilità sostenibile attraverso la riduzione delle necessità di trasporto e la lunghezza dei percorsi da effettuare, sono questi i temi discussi nel corso del Tavolo sulla Mobilità Sostenibile che ha svolto le proprie attività nel secondo semestre del 2016 e ha permesso di analizzare lo stato e i trend evolutivi del settore tra i vari rappresentanti di interesse del settore, le associazioni ambientaliste e dei consumatori, i rappresentanti delle Amministrazioni pubbliche centrali e locali e le istituzioni di ricerca.

I contenuti del dibattito a cui hanno partecipato i principali portatori di interesse del settore, associazioni ambientaliste e di consumatori, rappresentanti delle Amministrazioni pubbliche centrali e locali e istituzioni di ricerca, sono stati raccolti da Rse (Ricerca sistema energetico) all’interno di un documento denominato “Elementi per un roadmap della mobilità sostenibile” illustrato oggi a Roma alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del vice ministro alle Infrastrutture e Trasporti Riccardo Nencini.

Lo smart working e i servizi on-line sono i due elementi evidenziati nel documento, e proprio in quest’ottica sarà necessario implementare la banda larga su tutto il territorio nazionale e ridurre gli spostamenti fisici di persone per scambio di informazioni e incontri”, ma anche a monitorare la tempestiva applicazione dell’Agenda Digitale e dei relativi sistemi di autenticazione e certificazione digitale e stimolare la progressiva introduzione di servizi on-line da parte di tutti gli enti che offrono servizi ai cittadini come ad esempio le Pubbliche Amministrazioni, Poste, Istituti bancari. Inoltre, per dare maggiore efficienza alla logistica urbana, il Tavolo sulla Mobilità raccomanda di ottimizzare le percorrenze della logistica merci e servizi, favorendo il trasporto e le procedure operative migliori.

Infine un altro dei punti presi in considerazione è l’importanza di considerare la mobilità come elemento chiave nella pianificazione del territorio e nello sviluppo urbanistico, favorendo soluzioni che ottimizzino le necessità di spostamento degli abitanti, è scritto nel documento elaborato da Rse. Nel corso del convegno, il Ministro dell’Ambiente Galletti è intervenuto sui finanziamenti e sui progetti presentati nel collegato ambientale: “Per la mobilità sostenibile abbiamo messo 35 milioni di euro nel collegato ambientale e abbiamo ottenuto una grande risposta dai Comuni, con molti progetti presentati.

Al G7 Ambiente di Bologna firmeremo un protocollo con le Regioni padane per la qualità’ dell’aria, con quattro piani gia’ approvati, che si parlano fra loro. Abbiamo identificato azioni comuni che riguardano anche la mobilità sostenibile e che saranno operative dalla fine del 2017”, ha detto il ministro dell’Ambiente. “Dal documento di Strategia energetica nazionale è emersa la vetustà del parco macchine circolante, specie quello pubblico e commerciale, ha aggiunto Galletti. Dobbiamo arrivare ad un ammodernamento vedremo come farlo per i mezzi privati. Per quelli pubblici, stiamo già lavorando con il Ministero delle Infrastrutture. Occorre che i nuovi mezzi rispondano ai requisiti ambientali”, ha sottolineato il ministro dell’Ambiente.