Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Sintexcal investe ancora nella tecnologia Wirtgen Group

La consegna dei mezzi presso la sede Wirtgen Macchine di Noviglio alla presenza dell’Amministratore Delegato di Sintexcal Graziano Corrà,  quello di Wirtgen Macchine Mario Spinelli e il Regional Manager Marco Rettori.

Sintexcal amplia il proprio parco macchine, acquistando un rullo HD 14, un HD+ 110 VO con predisposizione HCQ, due finitrici Super 1803-3i e una fresa W 200i con VCS.

Sintexcal Spa  ha aggiunto cinque nuove macchine alla propria flotta. Cosi ha commentato l’Amministratore Delegato Graziano Corrà: “Questo importante investimento va nella direzione di un rafforzamento della componente impresa stradale della nostra azienda, creando sinergie ancora più strette con il ramo che si dedica alla produzione di conglomerati bituminosi. Siamo certamente convinti della qualità e produttività intrinseca delle macchine acquistate, ma abbiamo soprattutto creduto nelle soluzioni tecnologiche offerte da Wirtgen Group.

Abbiamo infatti richiesto allestimenti d’avanguardia, come è ad esempio avvenuto per il rullo HD+110 VO con predisposizione HCQ,  macchina che, a scelta, consente la compattazione con vibrazione o con oscillazione. Quest’ultima è peraltro una tecnologia già affermata in Europa, che però manca di un adeguato riconoscimento in Italia. Tengo inoltre a sottolineare che abbiamo scelto Wirtgen Group come partner tecnologico anche perchè si è distinta per il supporto nella formazione del personale, attraverso corsi mirati che migliorano ulteriormente la professionalità dei nostri addetti. Un elemento imprescindibile per ottenere i livelli qualitativi che il mercato delle costruzioni stradali si aspetta da noi”.

Soddisfazione ha espresso anche Marco Rettori Regional Manager di Wirtgen Macchine, filiale italiana di Wirtgen Group “ Sintexcal è un nome storico, che utilizza da anni le nostre macchine. Abbiamo cercato di mettere a fuoco quali fossero le esigenze presenti e future dell’impresa e da questa analisi di carattere tecnico, economico e logistico è nata la definizione dei modelli e dei vari allestimenti, tutti a forte valore aggiunto anche sul piano piano gestionale. Questo aspetto è particolarmente messo in evidenza dalla possibilità di controllare a distanza le funzioni vitali dei nuovi mezzi quando opereranno nei vari cantieri,  contribuendo così ad ottimizzare i vari i cicli di manutenzione ordinaria, la produttività e, quindi, la redditività”.