Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Marche, riapre viadotto di Castreccioni a Cingoli

Riapre parzialmente il viadotto di Castreccioni a Cingoli. Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli ha partecipato all’incontro pubblico organizzato in occasione dell’apertura: un momento istituzionale di ringraziamento con un saluto alle maestranze che stanno lavorando sull’infrastruttura per renderla completamente transitabile nei prossimi mesi. “Un intervento di grande importanza atteso dalla comunità locale che consente di ripristinare la viabilità in un’area ferita dal terremoto – spiega Ceriscioli.

È questa la dimostrazione che tutti quei messaggi che abbiamo dato sulla disponibilità delle risorse e sulle procedure, sul fatto che sia possibile ripartire, si stanno realizzando. È un’infrastruttura importante che permette di collegare parti del territorio che, se isolate, subiscono danni notevoli. La struttura è stata chiusa in seguito alla seconda scossa sismica avvenuto nell’ottobre 2016.

“È la prima grande opera post sisma di tutte le quattro regioni terremotate che si ripristina – spiega il sindaco di Cingoli Filippo Saltamartini. La solidarietà e la condivisione istituzionale hanno permesso di riaprire il ponte ad un anno dal terremoto”. La circolazione è stata riaperta a senso unico alternato mentre continuano i lavori di consolidamento da parte della ditta Giuseppe Pesaresi di Rimini gestiti dal Consorzio di Bonifica delle Marche. L’intervento consiste nel consolidamento dei piloni già danneggiati prima del sisma, le cui lesioni si sono poi aggravate. Un investimento complessivo superiore a 3,2 milioni finanziato coi fondi emergenza sisma.