Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Infrastrutture, Padoan: in corso istruttoria per riparto fondo

Per attivare il fondo per le Infrastrutture istituito con la legge di bilancio, e varare i relativi Dpcm, bisognerà attendere il riparto dei fondi visto che le richieste dei ministeri sono “largamente superiori alle disponibilità”.

Lo ha spiegato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, rispondendo a un’interrogazione di Mdp (Movimento democratico e Progressista) nel corso del question time alla Camera dei deputati.

Padoan ha sottolineato che “per definire la proposta di riparto del fondo, il Mef ha avviato una serie di interlocuzioni con le singole amministrazioni a seguito delle quali i ministeri hanno formulato le proprie richieste in relazione a specifici interventi da finanziare nell’ambito delle rispettive competenze”.

Queste richieste, secondo quanto rivelato dal titolare di via XX Settembre “in molti casi sono pervenute solo molto di recente, e per un importo complessivo largamente superiore alle disponibilità del fondo”. È stata quindi necessaria una “puntale fase istruttoria al fine di pervenire in tempi brevi alla formulazione di una proposta di riparto compatibile con le risorse disponibili e che tenga conto delle priorità degli interventi”.

Il ministro Padoan ha ricordato che si tratta di pianificare spese per investimenti che si estendono fino al 2032 e che una quota delle risorse del fondo per gli investimenti, in base all’intesa in conferenza Stato-regioni, per un importo pari a 400 milioni di euro verrà utilizzata quale quota parte del concorso delle regioni e delle province al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica per il 2017.

“Inoltre – ha concluso Padoan – ulteriori 270 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018 e 260 milioni per il 2019 saranno assegnati al finanziamento di interventi per il recupero delle periferie in base alla richiesta formulata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri”.