Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Frontale sull’Aurelia: muore l’ex ministro Matteoli

Matteoli

L’ex ministro Altero Matteoli, rimasto coinvolto ieri pomeriggio in un grave incidente sull’Aurelia è venuto a mancare. Secondo quanto si è appreso, Matteoli è stato estratto dall’auto dai vigili del fuoco in fin di vita in località Giardino-Capalbio. I medici del 118 hanno tentato di rianimarlo sul posto ma, purtroppo, non c’è stato nulla da fare: poco dopo il parlamentare è morto.

Altero Matteoli, nato a Cecina (Livorno) nel 1940, È stato più volte ministro nei governi Berlusconi. E’ entrato in Parlamento per la prima volta nel 1983. Fra le attività parlamentari, è stato membro della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali. Nel 1994 è nominato per la prima volta ministro dell’Ambiente fino al gennaio 1995. Nell’ultimo governo Berlusconi, il quarto, viene nominato ministro delle Infrastrutture e dei trasporti. Ultimo incarico ricevuto è quello di coordinare il tavolo del centrodestra sulle alleanze e i programmi in vista delle scorse elezioni amministrative, poi confermato nel ruolo per le prossime elezioni locali e regionali.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio esprime “il cordoglio a nome del Ministero e mio personale” per la morte del senatore. “Ho lavorato in questi anni con il Presidente Matteoli, di cui ho apprezzato – sottolinea Delrio – la lealtà istituzionale e la competenza. Sono vicino alla famiglia in questo momento di grande dolore”.

A lui si devono grandi realizzazioni e grandi progetti per colmare il ritardo del nostro paese nel settore delle infrastrutture. Matteoli lascia un vuoto difficile da colmare, sul piano personale e politico.

La redazione della nostra casa editrice lo ricorda come uomo politico fortemente impegnato anche per la determinazione con cui si batteva per riuscire a trasformare l’Aurelia in autostrada a quattro corsie. Lui ieri la stava percorrendo con la sua auto in un tratto ancora insicuro a due corsie. Anche la rivista Strade & Autostrade lo aveva intervistato nel 2009 quando era Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti. Porgiamo alla famiglia sentite condoglianze.