Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Delrio: “nelle reti Ten-T europee l’Italia è più avanti”

“Il 2017 sarà un anno storico per i corridoi europei. E lo sarà anche per il sud Italia: apriranno i cantieri della Napoli-Bari e a inizio giugno verrà inaugurata la stazione alta velocità di Afragola: in quattro ore e mezza si potrà andare da Roma a Reggio Calabria mentre da Monaco a Berlino ce ne vogliono due in più”.

Lo ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio nel corso della presentazione del libro “Torino-Lione 1990-2016” realizzato da ANSA in collaborazione con Telt. Ricordiamo che la rete stradale trans-europea (TERN), comunemente denominata con l’acronimo TEN-T, nasce sulla base giuridica del Trattato di Amsterdam siglato il 2 ottobre 1997 ed è in parte dovuto alle necessità createsi attraverso il Trattato di Maastricht.

Tra i vari compiti dell’Unione Europea c’è quello di monitorare specificamente anche gli incidenti mortali e le criticità che possono riguardarle.

L’indicatore preso in esame, espresso come percentuale di incidenti mortali medio annuo per miliardo di chilometri percorsi dai veicoli, mostra il tasso medio di incidenti mortali nella specifica sezione dedicata alla TEN-T ed è stato progettato per fornire un’indicazione anche della relativa sicurezza, tenendo conto della loro lunghezza e livello di utilizzo.

“Nelle reti Ten-T dei corridoi ferroviari europei l’Italia è più avanti della Germania e di tanti altri paesi. Abbiamo fatto uno sforzo enorme, investendo miliardi”, ha sottolineato il ministro, che ha ricordato anche i lavori della Torino-Lione che considera “una realtà ed un’opera dietro la quale non c’è solo visione di velocità, ma di qualità: farà bene all’economia, alla logistica, alle persone, insomma all’Italia che diventerà più centrale nello sviluppo.

La direttrice Ovest, in particolare – ha concluso Delrio – ha bisogno di una cura del ferro per spostare su rotaia le merci che viaggiano ancora soprattutto su gomma. L’ambizione è di diventare come la Svizzera, dove il 70-80% delle merci sono trasportate alle ferrovie”.