Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Crollo cavalcavia sulla A14: morti marito e moglie, tre feriti

«Ennesima tragedia annunciata: sono anni che denuncio lo stato di mancata osservazione delle regole di collaudo e la scarsa esecuzioni dei lavori. Per aver denunciato la corruzione, la camorra e questo sporco modo di operare, ho distrutto la mia vita. Per anni la politica mi ha offeso e delegittimato, perchè troppi sono i giochi di potere tra ditte colluse e apparati dello Stato».

Lo scrive Gennaro Ciliberto, 44 anni, che è stato responsabile della sicurezza nei cantieri di una ditta realizzatrice della costruzione e della manutenzione di varie opere autostradali in subappalto.

Ciliberti, che ha denunciato corruzione nell’aggiudicazione di lavori, infiltrazioni mafiose ed anomalie costruttive, ha subito gravissime minacce.

Per questo gli è stato riconosciuto lo status di testimone di giustizia che lo ha inserito nel programma di protezione.

Il ponte, il 167, è crollato sull’autostrada A14 al km 235+800, all’altezza di Camerano (Ancona), tra Loreto e Ancona Sud. Il crollo ha provocato due morti e due feriti. Le vittime sono una coppia di coniugi che viaggiavano a bordo di una Nissan. I feriti sono due operai romeni.