Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

A4 Holding, 65 anni in continuo movimento

Autostrada A4

A4 Holding celebra quest’anno il 65° anniversario di attività nella gestione e sviluppo di infrastrutture di comunicazione.

Nel 1952 infatti la società Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova S.p.A. fu costituita da una alleanza di enti pubblici ed economici appartenenti a sette province: Milano, Bergamo, Brescia, Verona, Vicenza, Padova e Venezia. L’obiettivo societario primario era quello di congiungere le due autostrade esistenti: la Milano-Brescia e la Padova-Venezia, favorendo così il collegamento autostradale tra i capoluoghi della Lombardia e del Veneto. Alla tratta della A4 fu poi fusa per incorporazione a metà degli anni ’80 l’Autostrada Valdastico, fondata il 23 settembre 1970 con la denominazione originale di Autostrada Trento Valdastico Vicenza Riviera Berica Rovigo Spa. L’apertura del tratto oggi percorribile da Vicenza a Piovene Rocchette, che attraversa le zone di Dueville e Thiene e interconnette i diversi distretti industriali del vicentino al restante sistema industriale del Nord Italia, avvenne nel 1976, mentre il tronco a sud fra le province di Vicenza e Rovigo è stato completato ed è operativo dall’agosto 2015.

In questi 65 anni è stata fatta molta strada, integrando competenze e capacità di progettazione alla realizzazione e gestione di grandi infrastrutture. Con la nuova configurazione organizzativa e con A4 Holding a capo del sistema di governance abbiamo dato forma e sostanza all’abilità del Gruppo di promuovere iniziative nell’ambito delle infrastrutture di comunicazione e di mobilità.

Oggi la missione del Gruppo e dei suoi oltre 600 collaboratori non è solo quella di amministrare in concessione la tratta A4 Brescia-Padova e la A31 Valdastico, ma anche quella di contribuire a migliorare il sistema viario sul tutto il territorio interessato, sicuramente progettando, costruendo e gestendo autostrade e infrastrutture stradali, ma anche sviluppando soluzioni integrate, innovative e tecnologicamente avanzate per garantire servizi e sicurezza al viaggiatore.

Negli ultimi 20 anni il percorso autostradale di 146 km che collega Brescia a Padova, gestito dalla concessionaria A4 Brescia-Padova, ha visto un incremento esponenziale del traffico sulla propria rete: si è passati dai 77 milioni di veicoli effettivi all’anno, registrati nel 1997, ai quasi 103 milioni censiti a fine 2016, con un incremento pari a circa il 34% e un trend di crescita annua di quasi il 2%, pur considerando la flessione di transito rilevata dal 2008 al 2013 e dovuta al periodo di forte crisi congiunturale del nostro Paese.

La Brescia-Padova è attualmente la terza autostrada per livelli di traffico in Italia e tra le principali in Europa, ed è inclusa nel corridoio strategico europeo Mediterraneo TEN-T asse 3 e interconnessa con il corridoio europeo scandinavo-mediterraneo asse 5.

L’intera autostrada A31 Valdastico oggi in funzione, transitabile per quasi 57 km, sviluppa un traffico effettivo annuale pari a quasi 20 milioni di veicoli (dato 2016) di cui circa un quarto mezzi pesanti e ha incrementato di oltre il 90% il proprio flusso di transito nell’ultimo ventennio, registrando una crescita media annua di circa il 3,5% dal 1997.

L’impegno in sicurezza su tutti i chilometri di nostra competenza è una prerogativa prioritaria e indifferibile. Nell’ultimo quinquennio sono stati mediamente investiti più di 40 mln di euro all’anno per la manutenzione e il rifacimento della pavimentazione stradale (il manto drenante e fonoassorbente è steso su tutta la nostra tratta), l’illuminazione dei punti critici l’ammodernamento e la collocazione di barriere di sicurezza sempre più performanti, il miglioramento e l’efficientamento della segnaletica.

Il Gruppo A4 Holding è stato in questi 65 anni un punto fermo, solido e stabile per tutto il territorio che attraversa. Ha contribuito a creare occupazione, specializzazione e innovazione tramite la gestione di infrastrutture di trasporto, di comunicazione e tecnologiche.

Non è lo stile del Gruppo pensare di gestire meramente il presente. Perciò a breve diventerà realtà un ulteriore sviluppo dei trasporti a Nord Est che estenderà i collegamenti dal Veneto al Trentino Alto Adige con direzione Europa centrale e di cui abbiamo recentemente presentato il progetto definitivo del primo lotto funzionale. Si tratta del completamento a Nord della A31 Valdastico, il trait d’union tra il nostro passato e il nostro futuro, quella arteria stradale che nei piani industriali e finanziari di A4 Holding è presente come asset aziendale fin dalla sua costituzione. La Valdastico Nord, cioè la prosecuzione in direzione Trento dell’autostrada A31 che oggi termina nel nulla a Piovene Rocchette (a nord di Vicenza), è pronta a partire, con l’apertura dei cantieri verso la fine del 2018.

Stando all’attuale situazione dell’iter approvativo, si conta di realizzare entro il 2024 il tracciato del primo lotto che inizierà in corrispondenza del termine attuale dell’autostrada A31 a Piovene Rocchette, in Provincia di Vicenza, e terminerà nel Comune di Pedemonte con lo svincolo di Valle dell’Astico/Pedemonte.

Uno sviluppo complessivo di questa prima parte di intervento che sarà pari a circa 17,8 chilometri, con un tracciato che per il 74% è stato studiato e sarà realizzato in galleria. Un progetto importante ideato per ridurre al minimo l’impatto ambientale e gli effetti del traffico sull’ambiente circostante.

Sulla Valdastico verranno utilizzate tutte le nuove e migliori tecnologie per garantire ancor di più la sicurezza degli utenti autostradali, per avvicinare sempre più le nostre nuove autostrade al modello della smart road, impiegando anche un’innovativa rete di telecomunicazione in fibra ottica, che permetterà massima sicurezza, flessibilità e resilienza per le comunicazioni e il funzionamento degli impianti tecnologici previsti in A31 Nord.

Un traguardo ambizioso ma non visionario né velleitario, per cui saranno investiti 1,3 mld di euro solo per i lavori del primo lotto: un traguardo disegnato con l’idea fissa di far progredire ancora di più tutti i territori di cui A4 Holding è parte integrante, per farli andare allo stesso passo di quel mondo che fra non molto ospiterà macchine che si guideranno da sole e autostrade che dialogheranno direttamente con le stesse autovetture, con lo scopo di indirizzarle verso il percorso più sicuro e confortevole.