Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

L’autostrada A22 più silenziosa e più sicura

Barriere antirumore

Il CDA e il Comitato Esecutivo di Autostrada del Brennero SpA hanno approvato venerdì, 20 Ottobre u.s. interventi per oltre 10 milioni di euro. Al via l’installazione di sette barriere antirumore e il rinforzo strutturale di 13 sovrappassi.

Le barriere antirumore

Prosegue la realizzazione del piano antirumore A22, attraverso il quale l’intera tratta di 314 km da Modena a Brennero viene costantemente monitorata per individuare le zone con i livelli di rumorosità più elevati.

Venerdì mattina, il Consiglio di Amministrazione ha approvato la realizzazione di sette nuove barriere fonoassorbenti nel Comune di Gonzaga (Mn) per le quale verranno investiti poco più di 10 milioni di euro.

Le barriere abbatteranno notevolmente l’inquinamento acustico e saranno realizzate in materiale misto (legno e policarbonato trasparente) per alleggerirne l’impatto visivo e armonizzarsi con il paesaggio circostante.

Le zone coinvolte sono: S.C. Curzia – Lago Cristallo, loc. Trombetta, S.C. Marzette, loc. Bozza Marzette, Bondeno, Bondeno loc. Camilletta e Bondeno S.C. Ballona.

I 13 sovrappassi

Mantenere le proprie infrastrutture al massimo dell’efficienza viene da sempre al primo posto per Autostrada del Brennero SpA. Per questo motivo la Società sottopone periodicamente le proprie strutture a controlli accurati e specifici, in un’ottica di costante monitoraggio, manutenzione e supervisione.

Da un intervento di controllo ordinario è emerso che, tra Reggio Emilia e Modena, sono 13 i sovrappassi che necessitano un intervento manutentivo, si tratta di: S.P. 44 “Reggiolo-Rolo” – Via Porto, S.P. 4 via Campo Grande, via Valle, via dei Grilli, Cavalcavia Budrione, via S. Giacomo, via Nuova Ponente, via Cavalcavia Zappiano, via Beghetto, S.P. 13 “Campogalliano” – via Canale Carpi, via Nacmani, S.P. 13 “Campogalliano” – via Ponte Alto per Modena, via Barchetta.

Il Comitato Esecutivo ha quindi approvato i lavori di rinforzo strutturale che prevede, tra le altre cose, l’applicazione di più strati di uno speciale tessuto in fibra di carbonio.