Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Via libera al bando internazionale per la metro 2 di Torino

Via libera al bando internazionale per la realizzazione della seconda linea della metropolitana di Torino. Obiettivo del bando è l’assegnazione della progettazione con una base di sette milioni di euro. Chi lo vincerà dovrà definire il progetto per quella che nelle intenzioni della Giunta Comunale Torinese dovrà essere “la spina dorsale del nuovo sviluppo a Nord e a Sud” della città. Non si tratterà solo, quindi, di una infrastruttura di trasporto, ma anche di un “motore” per una serie di interventi urbanistici.

Così come è già stato per altre opere. La novità, questa volta, è che la progettazione dovrà essere fatta coinvolgendo i cittadini attraverso un meccanismo simile a quello del “debat publique” francese, previsto quando si devono realizzare opere che hanno un forte impatto sulla normale vita delle persone e delle comunità.

Oltre al coinvolgimento più forte dei cittadini, il bando appena diffuso prevede anche alcune specifiche come quella di poter trasportare le biciclette e l’opzione di viaggio per tutta la notte.
Il tracciato previsto è lungo 14,5 km “tenuto conto che per un km servono circa 100 milioni di euro l’investimento arriverà a 1 miliardo e mezzo”, ha spiegato il Sindaco di Torino Piero Fassino che ha proseguito dicendo: “Il pubblico farà la sua parte e Renzi e Delrio si sono impegnati a stanziare fondi con la Legge di Stabilità del prossimo anno. Ma fondamentale sarà l’apporto dei privati da coinvolgere con un project financing o con altri strumenti da studiare”.

Il vincitore del bando, avrà un anno da maggio per presentare il progetto per poter iniziare i lavori nel 2018. Le stazioni previste sono 25, in grado come si è detto di funzionare 24 ore su 24: la metropolitana 2, così come la linea già esistente, dovrà essere interamente automatica.