Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Un Caravaggio per i pendolari: “Una generazione avanti”

“Sono particolarmente orgoglioso della squadra italiana. Caravaggio diventerà un’icona del trasporto regionale in quanto è un veicolo in grado di rispondere pienamente alle esigenze del cliente e dei passeggeri”.

Lo ha detto Alistair Dormer, global ceo di Hitachi Rail, presentando il nuovo treno, chiamato Caravaggio, che la società realizzerà per Trenitalia. Il contratto da parte di Trenitalia riguarda la costruzione di 39 treni, per un valore di 333 milioni di euro. L’aggiudicazione, spiega Hitachi Rail Italy in un comunicato, è parte di un accordo quadro per costruire fino a 300 treni regionali doppio-piano, per un importo complessivo di circa 2,6 miliardi di euro.

Caravaggio – fa sapere l’azienda – diventerà il fiore all’occhiello della nuova flotta dei treni regionali italiani. Composto da cinque carrozze, lungo 136 metri e largo 2,8, il nuovo regionale di Hitachi Rail Italy ha una capacità complessiva di 656 passeggeri, (il top di gamma del settore), e ha 4 carrelli motore che gli consentono di raggiungere una velocità di 160 Km/h.

Il look è interamente made in Italy e il treno verrà prodotto nei tre stabilimenti di Hitachi Rail Italy di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria. “I nuovi treni”, spiega Hitachi Rail Italiy, “presentano un nuovo ambiente per passeggeri con poltrone ergonomiche in ecopelle, una nuova disposizione delle stesse che consente una migliore fruibilità degli spazi ed uno stile totalmente diverso da quanto mai visto fino ad oggi”.

“Con Caravaggio trasciniamo il futuro nel presente”, ha detto Maurizio Manfellotto, ceo di Hitachi Rail Italy, “presentando un prodotto che non ha eguali nella categoria e che si pone avanti di una generazione rispetto ai concorrenti”.