Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

TTS Italia all’International Meeting per la sicurezza stradale

Nel mondo, le persone scomparse a causa di incidenti sulla strada sono annualmente 1,2 milioni, di cui 260mila bambini. Grazie alle nuove tecnologie ed alle campagne di prevenzione, i decessi si sono ridotti, drasticamente, a circa 26mila nell’Unione europea e a 3.149 in Italia dove le strade sono sempre più sicure.

Con una media di 56 morti per ogni milione di abitanti, il nostro Paese risulta al 14° posto nella graduatoria europea. Dal 2001 ad oggi il numero delle vittime della strada si è ridotto in Italia del 52 %. E’ un numero destinato a scendere ulteriormente grazie alle strade più sicure e ai veicoli sempre più intelligenti. Ma per vincere la sfida della sicurezza stradale occorre prevenire, reprimere i comportamenti sbagliati e investire sempre più sulla ricerca tecnologica: gli orientamenti internazionali più diffusi tendono infatti a puntare sulle tecnologie in grado di evitare l’incidente e le sue conseguenze anche al di là del pur auspicabile corretto comportamento umano. Fondamentale è inoltre confrontarsi con le migliori esperienze degli altri Paesi del mondo nel settore della sicurezza sulle strade.

E’ quanto si è fatto a Roma nel corso del primo meeting mondiale sulle Nuove tecnologie al servizio della sicurezza stradale, che si tiene oggi 29 settembre nell’Auditorium di via Rieti da ANAS e dalla Associazione mondiale della strada (World Road Association) che comprende, oltre all’Italia, altri 121 Paesi e di cui ANAS è tra i principali soci.

Il meeting ha visto la partecipazione dei massimi esperti sulla sicurezza sia Italiani che internazionali, e è stato aperto dall’intervento dei Ministri Graziano Delrio (Infrastrutture e Trasporti) e Stefania Giannini (Istruzione, Università e Ricerca) e da una ampia relazione introduttiva del presidente e AD di ANAS Gianni Armani, che è anche presidente per l’Italia dell’Associazione mondiale della strada. Un’occasione per condividere quanto di meglio si è fatto in Italia e nel mondo per ridurre morti e incidenti sulle strade. Dalle statistiche risulta che il continente con le strade più sicure è l’Europa, dove il numero di morti dal 2001 ad oggi è più che dimezzato.

Anche TTS Italia, rappresentata dal Vice Presidente Diego Galletta, era presente all’evento nella sessione “Road Safety towards new solutions: challenging policies and new opportunities from new Technologies”. Il Vice Presidente, in particolare, discuterà delle applicazioni C-ITS per la sicurezza stradale.