Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Trento ci riprova con la circonvallazione di Cles

A quasi cinque anni di distanza la Provincia autonoma di Trento ricomincia da zero la procedura per assegnare i lavori di costruzione della circonvallazione di Cles. Era l’aprile 2012 quando fu promossa la prima gara dal valore di 43 milioni per la progettazione e la realizzazione delle opere stradali sulla sulla SS 43 della Val di Non. All’appalto parteciparono due concorrenti: Oberosler (aggiudicataria in via provvisoria all’apertura delle buste) e Adige Bitumi, entrambe in seguito escluse per cause riconducibili ai requisiti. Dopo quattro anni di battaglie giudiziarie portate avanti da entrambe le imprese, la parola fine l’ha decretata il Consiglio di Stato rigettando le istanze sia del primo che del secondo classificato.

Di fatto, la prima gara risulta agli atti «deserta» ed è per questo che la Provincia riparte da un nuovo appalto integrato (anche se non più ammesso dal Codice appalti) essendo in continuità con la procedura del 2012.

«Abbiamo scelto il dialogo competitivo – afferma Raffaele De Col, dirigente generale del dipartimento Infrastrutture della Provincia – anche se potevamo andare direttamente a procedura negoziata. Questo per poter dare la possibilità a tutte le imprese di partecipare alla gara. Il nuovo avviso rimane aperto fino al 30 gennaio.Ci prenderemo 30 giorni per selezionare, in base ai requisiti, le tre imprese che saranno invitate alla seconda fase e che avranno 90 giorni per formulare una proposta che sarà valutata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. L’obiettivo è quello aggiudicare e partire con i lavori entro fine settembre».

L’opera prevede i seguenti interventi: rotatoria in località Campazzi, galleria artificiale per la nuova circonvallazione dell’abitato di Cles, nuova rotatoria in località Cassina, bretella di collegamento tra la rotatoria Cassina e la SS 43 (comprensiva della rotatoria di innesto tra la bretella stessa e l’attuale sedime della SS 43), viadotto di attraversamento alla valle del rio Dres, galleria artificiale per la nuova variante di Dres, nuovo svincolo in corrispondenza dell’innesto tra la SS 43 e la strada per il Castellaz.