Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Renzi rilancia piano periferie e apre su ponte Stretto

Venezia, Trieste e infine Scilla per rilanciare con mezzo miliardo di euro il piano periferie e riaprire, in maniera netta, il progetto del ponte sullo Stretto. E’ un vero e proprio ‘tour italiano’ quello che mette in campo il premier Matteo Renzi ad una manciata d’ore dal G7 in Giappone e nell’ultimo weekend pre-amministrative.

Un tour per ribadire che, mentre “altri chiacchierano noi passiamo ai fatti” con l’obiettivo di “non sprecare più il bello che c’è nelle nostre Regioni”, dal Friuli Venezia-Giulia alla Calabria.
Ed è sulle infrastrutture che il premier, prima di buttarsi nella settimana elettorale con comizi a Torino, Milano e Roma, vuole puntare. A cominciare da quella forse più discussa, il ponte sullo Stretto di Messina.

“E’ un’opera fattibile, i nostri ingegneri sono tra i migliori al mondo ma la affronteremo solo dopo aver completato le opere” ancora in corso in Sicilia e Calabria, a partire dall’autostrada Sa-Rc, sottolinea Renzi inaugurando, nei pressi di Scilla, l’elettrodotto Terna che unisce proprio l’antica Trinacria al continente.

E, dalla Calabria, il capo del governo ripunta i fari sul Sud: “il Mezzogiorno può ripartire, il governo ci crede, con buona pace di chi diceva che l’aveva dimenticato”, scandisce il premier elencando, dal G7 in Sicilia l’anno prossimo alla festa del Pd di fine estate che si terrà forse in provincia di Ragusa, terra di Montalbano, i ‘grandi eventi’ che ha pensato per il Meridione.

E il racconto odierno del premier, in quello che lui stesso su Twitter definisce “un sabato italiano” parte dalla Biennale di Venezia, dove Renzi annuncia la firma di un decreto governativo che dà 500 milioni alle periferie. I fondi sono “operativi ora tocca ai sindaci fare progetti credibili”, spiega poi il capo del governo da Scilla, dove arriva dopo aver firmato il protocollo d’intesa per il recupero dell’area del Porto Vecchio di Trieste. E in Calabria Renzi inaugura il ponte elettrico di Terna ch unisce – con 600 milioni di risparmi in costi energetici e moltiplicando le capacità e l’utilizzo delle rinnovabili – Sicilia e Calabria.

Per il ponte ‘in carne e ossa’, quello che dovrebbe permettere ad auto e treni ad alta velocità di arrivare senza stop da Torino a Palermo ci sarà invece da attendere. “Bisogna essere credibili”, osserva Renzi dimostrando, però, di crederci più che mai: “l’alta velocità non può fermarsi a Eboli”.