Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Prima che scatti la «tagliola» l’Anas avvia gare al prezzo più basso

Avanti con il massimo ribasso nelle gare Anas per gli accordi quadro di manutenzione, prima che il Nuovo Codice, dal 18 aprile, imponga l’offerta più vantaggiosa per tutti i lavori al di sopra di una certa soglia dimensionale (un milione di euro nel testo approvato il 3 marzo in prima lettura e 150mila euro nel parere del Parlamento) .

L’Anas ha pubblicato negli ultimi giorni nove gare per manutenzione straordinaria di impianti tecnologici, per un valore totale di 96 milioni; tre gare per il corpo stradale della E55 Orte-Mestre (per un totale di 55 milioni); dieci gare da 5 milioni per la pavimentazione stradale della Salerno-Reggio, per 50 milioni.

In tutto 22 accordi quadro già in gara, con importo totale 201 milioni di euro, e altre 11 gare per la Salerno-Reggio annunciate entro il 18 aprile, per altri 55 milioni. In tutto si arriva dunque a 33 gare per 256 milioni.

Circa gli importi, mentre per le pavimentazioni della Salerno-Reggio si insiste sui mini-lotti da 5 milioni di euro, negli altri casi l’Anas punta su cifre più “selettive”: 7, 10, 12, 14 milioni per gli impianti tecnologici, 13 e 21 milioni per il corpo stradale della E55 Orte-Mestre. Come abbiamo visto a fianco, accorpare le manutenzioni negli accori quadro su valori più alti sembra essere in grado di produrre gare con meno imprese e (forse) ribassi più contenuti.

Salerno-Reggio Calabria

Per la manutenzione straordinaria del corpo stradale dell’Autostrada Salerno-Reggio Calabria sono uscite nei giorni scorsi 10 gare Anas, ciascuna da 5 milioni di euro, tutte con il metodo dell’accordo quadro. In totale 50 milioni di euro, e il presidente Gianni Armani ha annunciato che «entro il 18 aprile prossimo andranno in gara altri 11 bandi di gara da 5 milioni, per altri 55 milioni totali». In quei lavori saranno compresi la sistemazione del corpo stradale della tratta di 11 km da Pizzo Calabro a Vibo Valentia/Sant’Onofrio nonché l’adeguamento degli impianti tecnologici delle gallerie, nuove dotazioni impiantistiche di info-mobilità e nuovi impianti di illuminazione degli svincoli. In tutto saranno dunque 21 gare da 5 milioni, per 105 milioni totali.

Si tratta del nuovo piano di manutenzione straordinaria dei 58 km residui della Salerno-Reggio, annunciato un mese fa, sui quali si è deciso di non fare più radicali ammodernamenti con demolizioni-ricostruzioni o tratti in variante. «Gli interventi – spiega Armani – saranno eseguiti sul tracciato esistente, senza quindi dover effettuare alcuna demolizione e ricostruzione delle carreggiate autostradali, con limitati impatti sul traffico autostradale e tempistiche di realizzazione notevolmente ridotte».

Si tratta comunque di una prima tranche del piano, perché ad esempio sul tratto Cosenza-Altilia sono previsti in cinque anni interventi per 720 milioni, mentre per ora questi bandi arrivano solo a 30 milioni.

«L’iter per l’affidamento dei lavori – spiega l’Anas – è stato attivato mediante la procedura di Accordo Quadro (art.59 comma 4 del D.Lgs. n.163/06) che garantisce la possibilità di eseguire i lavori con rapidità e a un prezzo favorevole nel momento in cui si manifesta il bisogno, consentendo quindi risparmi di tempo e risorse e una maggiore efficienza».