Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Governo, via al mini rimpasto: Costa agli Affari regionali. Tre nuovi vice e nove sottosegretari

Sì al rimpasto di governo: il Consiglio dei ministri di oggi ha nominato tre viceministri e nove sottosegretari, che giureranno domani alle 21 al Quirinale. E il premier Matteo Renzi ha indicato Enrico Costa (Ap-Ncd), finora viceministro della Giustizia, per l’incarico di ministro agli Affari regionali. Il giuramento dovrebbe avvenire già nella serata di domani, intorno alle 19.

Zanetti vice al Mef, Bellanova al Mise

Oltre al nome di Costa come ministro agli Affari regionali, ecco le altre caselle dell’Esecutivo che sono state riempite: Enrico Zanetti, attuale sottosegretario all’Economia, è stato promosso a viceministro; Teresa Bellanova, finora sottosegretaria al Lavoro, sarà la nuova viceministra per lo Sviluppo economico; Mario Giro da sottosegretario passa a viceministro agli Esteri con delega alla cooperazione e allo sviluppo; Enzo Amendola (Pd) prende il posto di Giro come sottosegretario alla Farnesina; Ivan Scalfarotto da sottosegretario alle Riforme diventa viceministro allo Sviluppo economico al posto di Carlo Calenda; il posto di Scalfarotto va a Dorina Bianchi (Ap-Ncd); il deputato Antimo Cesaro (Scelta Civica) diventa sottosegretario alla Cultura; Gennaro Migliore (Pd) e Federica Chiavaroli (Ap-Ncd), l’uno deputato l’altra senatrice, diventano sottosegretari alla Giustizia; Simona Vicari (Ap-Ncd) passa da sottosegretaria al Mise a sottosegretaria alle Infrastrutture. Formalizzata anche la nomina di Tommaso Nannicini a sottosegretario alla presidenza del Consiglio: non è un caso che l’incarico sia arrivato nel giorno del varo del Jobs act per il lavoro autonomo, che di fatto porta la sua firma.

Antonio Gentile torna sottosegretario

Torna nella compagine di governo anche Antonio Gentile (Ap-Ncd): l’ex sottosegretario alle Infrastrutture, che era stato costretto a lasciare a marzo del 2014 dopo essere stato accusato di aver fatto pressioni per evitare che uscisse sull’Ora della Calabria (oggi non più in edicola) una notizia che riguardava suo figlio Andrea, è stato nominato sottosegretario allo Sviluppo economico.