Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Catasto Strade Anas: rilevazioni e monitoraggio della rete stradale

Successivamente al Rilievo ad Alto Rendimento (RAR) di tutti gli elementi facenti parte dello spazio stradale, finalizzato alla formazione del Catasto Strade istituito con D.M. 1/6/2001 per effetto dell’Art. 13 c. 6 D.Lgs. 285/92, occorreva effettuare gli aggiornamenti secondo le disposizioni introdotte sin dal 2005 dall’ANAS S.p.A..

Tale attività è stata svolta prevalentemente lungo la vecchia sede dell’A3 Salerno – Reggio Calabria. Le nuove opere realizzate lungo l’autostrada con i lavori di ammodernamento (ponti, gallerie, impianti tecnologici, muri, opere d’arte minori, barriere e reti paramassi, pavimentazioni, ecc.) dovevano essere rilevati direttamente, utilizzando le apposite Schede in qualità predisposte dall’ANAS S.p.A.

La compilazione delle Schede prevede, fra l’altro, il continuo aggiornamento delle informazioni relative alle opere d’arte in un contesto conoscitivo dello stato di degrado che consente la pianificazione prioritaria degli interventi (MO-MS). Attraverso l’uso di sistemi GNSS, come: palmari e antenne “Zeno 10” e “GG03” fornite dalla LEICA Geosystems S.p.A. e software GIS come “ArcGIS 9 – ArcMap 9.3”, integrato dalle toolbar “Alice Catasto Strade” e “Zeno Office per ArcGis” Anas sta procedendo all’aggiornamento del Catasto Strade attraverso l’utilizzo delle banche dati “ALICE” e “SOAWE”.