Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Gianni Armani riorganizza l’Anas, con una nuova governance

Parte la riorganizzazione societaria di Anas, dopo l'arrivo al vertice di Gianni Armani. Il Cda ha approvato la nuova governance, con la soppressione delle tre Condirezioni generali e una riorganizzazione di tutta la struttura «al fine – comunica una nota – di razionalizzare le attività e i processi industriali, nell'ottica di valorizzazione di asset e competenze, di miglioramento del servizio e con l'obiettivo di raggiungere al più presto l'autonomia finanziaria».

Il riassetto varato dal Cda prevede in staff al Presidente cinque direzioni: la Direzione Appalti e Acquisti (suddivisa in Appalti e Acquisti); la Direzione Legale e Societario (suddivisa in Legale, Societario, Protocolli di Legalità e Organismi Internazionali); la Direzione ICT; la Direzione Risorse Umane e Organizzazione; la Direzione Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

La gestione e il presidio dei processi core di Anas saranno affidati a quattro direzioni: Direzione Progettazione e Realizzazione Lavori (suddivisa in Direzione Progettazione e Direzione Realizzazione Lavori), a cui è affidata la gestione degli investimenti di sviluppo della rete stradale; Direzione Esercizio e Coordinamento Territorio, con responsabilità sull'esercizio e manutenzione della rete e a cui riportano i compartimenti/direzioni territoriali; Direzione Ingegneria e Verifiche (suddivisa in Ricerca e Nuove Tecnologie, Prezzi Standard, Coordinamento Collaudi, Verifiche di Progetti e Riserve), a cui è affidato il compito di definizione e controllo degli standard di qualità dei processi di investimento e di esercizio e manutenzione; Direzione Finanza Amministrazione e Controllo (suddiviso in Finanza, Amministrazione, Pianificazione e controllo di Gestione).

Il Consiglio di Amministrazione di Anas ha rinnovato la terna dell'Organismo di Vigilanza istituito dal decreto legislativo 231/2001, che ha il compito di vigilare sul rispetto, l'adeguatezza e l'aggiornamento del modello organizzativo-gestionale e di controllo societario per la prevenzione dei reati, nonché sul rispetto dei principi del codice etico aziendale.

Alla presidenza del nuovo Organismo di Vigilanza è stato designato il generale della Guardia di Finanza in congedo, Umberto Fava. Gli altri membri sono l'avvocato Luigi Fischetti del Foro di Roma, e la responsabile dell'Audit di Anas, Gaetana Celico, come membro interno.