Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Confindustria: condividiamo l’appello di Sergio Mattarella a unità e riforme

Confindustria «condivide pienamente il richiamo all'unità rivolto» dal nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, «a tutte le forze del Paese e l'appello alla necessità di proseguire con le riforme economiche, istituzionali e sociali». Lo ha sottolineato il leader degli industriali, Giorgio Squinzi. «Confindustria – ha commentato Squinzi – ha molto apprezzato il discorso del neo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la sua concretezza, la grande attenzione riservata al Paese in tutte le sue forme e condizioni».

Un ringraziamento particolare, ha aggiunto il presidente di Confindustria, «va alla grande sensibilità che il Presidente ha voluto dimostrare, fin dal suo insediamento al mondo dell'industria riconoscendo a tutti gli imprenditori italiani, grandi, medi e piccoli, il coraggio di continuare a innovare e a competere sui mercati internazionali, anche in momenti di enorme difficoltà come quello che stiamo vivendo».

Squinzi ha anche ricordato che «la priorità assoluta riservata» da Mattarella «al rispetto della legalità e alla lotta a mafia e corruzione è anche la priorità di Confindustria». «Da tempo – ha aggiunto il leader degli industriali – siamo impegnati in questa battaglia che è per noi condizione di gravissima disparità per le imprese sane e oneste: avere al nostro fianco la Sua figura ci farà proseguire con ancora più coraggio e forza».

 Gli imprenditori, ha sottolineato ancora il presidente di Confindustria commentando le parole del nuovo capo dello Stato, «continueranno a fare con responsabilità la propria parte per ridare all'Italia e agli italiani speranza e dignità sociale. Oggi più che mai il Paese ha bisogno di alti riferimenti che devono essere come la maggior parte degli italiani, concreti, laboriosi, onesti.