Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Macchine: le migliori amiche dell’uomo! Se usate in sicurezza…

Formazione, addestramento, abilitazione all’uso, definizione di operatore, idoneità psico-fisica allo svolgimento della speci-fica mansione e sorveglianza sanitaria, diligenza del buon padre di famiglia: questi i punti cardine che è d’uopo tenere ben presente in qualunque cantiere

sfondo dego

I dati INAIL su macchine e attrezzature

Conosciamo tutti il quadro relativo al fenomeno infortunistico che l’INAIL ci ha fornito per il 2018, ed è tutt’altro che rassicuran­te. Così come la situazione per l’anno in corso continua a fornire segnali allarmanti. Sappiamo pure che circa un terzo degli in­fortuni mortali in occasione di lavoro si è verificato nei cantieri.

È evidente pertanto che su questo fronte, il settore delle co­struzioni continua a pagare un prezzo molto alto.

  • costruzioni
    1 dego
    Le cause di infortunio mortale nel settore costruzioni
  • Formazione
    2 dego
  • Datore di lavoro
    3 dego
  • Sicurezza
    4 dego

Volendo andare un po’ più a fondo, ovvero elaborando i dati forniti dall’Istituto relativamente alle cause di infortunio morta­le in questo comparto, emerge un dato a mio parere rilevante, e più precisamente: è vero che la causa principale continua a essere la caduta dall’alto con il 39% dei casi (non vuole e non può essere una giustificazione, ma non possiamo non conside­rare che salire verso l’alto in un contesto lavorativo in continua evoluzione è caratteristica peculiare dell’ambiente cantiere), ma credo sia altrettanto rilevante evidenziare che un lavorato­re su quattro perde la vita operando su un’attrezzatura o nei pressi di essa.