Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

La riforma del Codice della Strada

L’annosa e ancora irrisolta questione della destinazione dei proventi contravvenzionali e altri aspetti

sfondo finco

Il tema della destinazione dei proventi contravvenzionali – di cui ai commi 12 bis, ter e quater dell’art. 142 del Codice della Strada – è ormai in discussione da circa otto anni.

Non si riesce proprio a fare in modo che tali risorse vadano nella corretta destinazione: c’è sempre qualcuno che vuole metterci “il cappello” sopra a partire dai Comuni, alcuni dei quali mettono le multe addirittura in bilancio preventivo.

  • Codice della Strada
    1 finco
    Il tema della destinazione dei proventi contravvenzionali - di cui ai commi 12 bis, ter e quater dell’art. 142 del Codice della Strada - è ormai in discussione da circa otto anni
  • Multe
    2 finco
    La tendenza a trasformare larga parte dei proventi pubblici in stipendi, consulenze e spese di gestione è purtroppo nota

Ultimamente poi, un gruppo di Parlamentari che appartengono a diversi Partiti ha presentato alcuni emendamenti che riguardano, fra l’altro, la destinazione dei suddetti proventi contravvenzionali, che sarebbero non più – in parte – destinati alla manutenzione delle strade, ma dirottati verso stipendi e spese di gestione degli Organi di Polizia Stradale (emendamenti al momento per fortuna privi di seguito, ma il solo presentarli è un grave segnale).

La tendenza a trasformare larga parte dei proventi pubblici in stipendi, consulenze e spese di gestione è purtroppo nota e non mi voglio soffermare su di essa se non per evidenziare un aspetto: non si riesce a farne rendicontare ai Comuni la destinazione, così qualcuno ha sostenuto che, non essendo in grado di fare applicare la legge, dobbiamo cambiarla!