Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il Decreto del MIT n° 560 del 01/12/2017

In ottemperanza alle disposizioni dell’art. 23 del D.Lgs. 50/2016 (Codice dei Contratti), nel Dicembre 2017 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato il D.M. 560 che dà una risposta all’esigenza di modulare l’entrata in vigore dell’obbligo di utilizzo delle metodologie digitali (c.d. BIM) nella gestione della fase della progettazione, dell’esecuzione dei lavori di realizzazione e della gestione delle opere pubbliche

sfondo mit

A distanza ormai di quasi due anni dall’emissione della Normativa e in prossimità dell’entrata in vigore del secondo step del suddetto obbligo – quello relativo ai lavori di importo superiore ai 50 milioni di Euro, il 1° Gennaio 2020 -, è possibile fare alcune considerazioni in merito alla sua applicazione. 

Il quadro normativo

Il quadro normativo in cui si inserisce il D.M. 560/2017 deriva principalmente dalle disposizioni contenute nel D.Lgs. 50/2016) e in particolare:

  • l’art. 23 (Livelli di progettazione), comma 1, alla lettera h) prevede “la razionalizzazione delle attività di progettazione e delle connesse verifiche attraverso il progressivo uso di metodi e strumenti elettronici specifici quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture”;

  • Ministero
    1 mit
  • Contratti pubblici
    2 mit
    Con l’art. 6 (tempi di introduzione obbligatoria) si affronta la progressiva entrata in vigore dell’obbligo di adozione dei metodi e strumenti di cui all’art. 23, comma 1, lettera h), del Codice dei Contratti pubblici
  • Infrastrutture
    3 mit
  • il comma 13 consente l’utilizzo volontario dei suddetti metodi e strumenti alle sole “Stazioni Appaltanti dotate di Personale adeguatamente formato”, demandando a un successivo “Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti … le modalità e i tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà dei suddetti metodi presso le Stazioni Appaltanti, le Amministrazioni concedenti e gli operatori economici, valutata in relazione alla tipologia delle opere da affidare e della strategia di digitalizzazione delle Amministrazioni Pubbliche e del settore delle costruzioni”; in applicazione a questo comma è stato emesso il Decreto attuativo D.M. 560 del 1/12/2017;