Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Una soluzione esclusiva e rivoluzionaria

La fusione dei vantaggi degli escavatori gommati e di quelli cingolati ha dato vita a una soluzione Mecalac unica, che coniuga mobilità, polivalenza, stabilità, sicurezza, accessibilità, facilità di guida, forza di sollevamento e redditività

L’efficienza parte dall’ergonomia

Come consuetudine in casa Mecalac, anche per questo progetto si è partiti ancora una volta dalla centralità dell’uomo e del suo lavoro: “È stata poi la volta di approfonditi studi ergonomici, sia interni che esterni: ogni gesto dell’operatore è stato semplificato, ognuno dei suoi movimenti facilitato e la protezione di tutti coloro che intervengono sul cantiere è stata ottimizzata”. Ne è nata una cabina tra le più confortevoli sul mercato, con una visibilità globale ripensata per ottimizzare la visione diretta dell’operatore; a ciò si aggiungono le linee del cofano sulla parte posteriore e il vetro arrotondato, che ora è un pezzo unico.

“La stessa struttura ripiegata del braccio è stata pensata sia per favorire la visibilità laterale sia per determinare, soprattutto con il deporté perfettamente integrato nella sagoma della macchina, una massa positiva e un contrappeso naturale, ottimizzando così la sua potenza di sollevamento”. Si è ottenuto nel contempo una grande libertà di movimento e di movimentazione con grossi carichi, con la macchina sempre posizionata in modo ideale e sicuro. Argomenti, questi, particolarmente apprezzabili negli angusti e trafficati cantieri metropolitani.

Per tornare alla cabina, un selettore centrale unico permette all’operatore di scegliere con un solo movimento le modalità operative che più gli si addicono, concentrandosi sui lavori da compiere in tutta serenità ed in pieno controllo della macchina. Comodamente seduto in cabina, l’operatore può avvalersi anche di Connect, un attacco rapido brevettato, leggero, sicuro e facile da usare; è inoltre dotato di un sistema di rilevamento che permette di controllare il corretto agganciamento dell’attrezzo e di informare l’operatore.

E poi? Le MWR dispongono di serie di numerosi dispositivi innovativi, come il bloccaggio automatico dell’oscillazione del ponte, che facilita la messa in sicurezza della macchina mentre l’operatore si focalizza sul suo lavoro, o le telecamere integrate, che possono essere aggiunte a richiesta e sono perfettamente interfacciate con lo schermo da 7’’ sul quale sono visualizzate le viste del cantiere quando è innestata la retromarcia.“Inoltre, le MWR, oltre a disporre di un’ampia gamma di attrezzature di serie, risultano altresì personalizzabili in funzione delle diverse tipologie di Clienti e loro attività”; infine, possono essere arricchite da numerosi accessori, quali benne e altri attrezzi idraulici.