Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Per una razionale coltivazione della cava

La tecnologia Terrain Leveler di Vermeer porta razionalità ed efficienza nella coltivazione della cava

Vermeer per la cava

Gli addetti ai lavori sono abituati a vedere le macchine Vermeer nella efficiente realizzazione di scavi in linea. I trencher del Costruttore americano sono infatti una delle macchine iconiche che hanno contribuito alla diffusione del marchio a livello mondiale.

In realtà Vermeer è un Costruttore attivo in differenti settori che spaziano dalla posa non invasiva di linee interrate fino alle cave con una significativa presenza nel mercato dell’igiene ambientale e della manutenzione del verde.

Un marchio nato nel 1948 a Pella, nell’Iowa, che offre oggi una gamma di macchine ampia e variegata, spaziando dai classici trencher a cui si affiancano gli impianti mobili per compostaggio e rifiuti e una larga offerta di macchine speciali.

La tecnologia Terrain Leveler di Vermeer
1. L’impiego della tecnologia Terrain Leveler di Vermeer permette di razionalizzare la produttività in cava aumentando l’efficienza e riducendo i costi di estrazione

Uno dei core business aziendali è comunque la costruzione di trencher, tecnologia apprezzata che fornisce al mercato strumenti razionali per rendere efficienti lavorazioni spesso dispendiose e complesse, macchina su cui si basa anche la tecnologia Terrain Leveler per coltivazione di cave e sbancamenti in materiale roccioso.

Grazie all’impiego, su una macchina base, del sistema apposito che prevede un tamburo di ampie dimensioni in grado di “grattare” il terreno in modo omogeneo. Si tratta di un metodo estrattivo che permette, regolando la velocità di avanzamento e di rotazione del tamburo, di avere pezzature che rispondono a misure stabilite.

Si tratta quindi di un modo completamente diverso di intendere la coltivazione delle cave o l’esecuzione di sbancamenti in terreni difficili. Soprattutto laddove non sia possibile utilizzare esplosivi, non si vogliano avere vibrazioni oppure si cerchi di razionalizzare al massimo il processo operativo.

Diverse granulometrie
2. Regolando la velocità di avanzamento della macchina e la velocità di rotazione del tamburo si ottengono diverse granulometrie

Un approccio razionale

La tecnologia Terrain Leveler non è una novità. Vermeer propone da tempo questo metodo a Clienti in ogni parte del mondo. Ma in Italia non è sicuramente sfruttata al massimo delle sue potenzialità.

Occorre un approccio completamente differente rispetto al classico metodo che prevede la volata, il carico e l’alimentazione del ciclo di frantumazione. Vermeer punta su aspetti fondamentali come il controllo dei costi, la riduzione delle macchine impegnate nel ciclo estrattivo, la sicurezza operativa e un minore impatto ambientale, elementi sostanziali per la riduzione dei costi di estrazione con un aumento della qualità del materiale.

Terrain Leveler ha sotto controllo il ciclo estrattivo
3. La tecnologia Terrain Leveler permette di avere sotto controllo il ciclo estrattivo aumentando la sicurezza e riducendo costi, rumore, polveri e rischi specifici

Questi sono i fattori che hanno spinto la Ecoin SpA di Catania verso la tecnologia Terrain Leveler nella propria cava di calcare. Da oltre un anno, infatti, una Vermeer T1055 III lavora con risultati molto soddisfacenti nell’estrazione di calcare all’interno della cava in località Primosole.

Un contesto operativo in cui Vermeer ha messo a confronto la macchina di proprietà della Ecoin con una più grande T1255 III, in modo da capire le differenze produttive fra differenti categorie di mezzi con tutti i risvolti in termini di produttività ed efficienza.

Vermeer T1055, l’equilibrio ottimale per aumentare la qualità e diminuire i costi

Decisamente interessante, quindi, l’esperienza della Ecoin dopo un anno di lavoro della macchina. Gaetano Caruso, Amministratore Unico della Ecoin, ha spiegato tutto il processo operativo con i vantaggi che la sua Azienda ha riscontrato sul campo.

  • Granulometria ottenuta con metodo classico
    4A Granulometria ottenuta con metodo classico
    4A. Il confronto diretto della granulometria ottenuta con il metodo classico della volata o con il Terrain Leveler è evidente già a occhio nudo. A questo si aggiunge la possibilità di eseguire una preselezione molto accurata del materiale in fase di carico
  • Granulometria ottenuta con Terrain Leveler
    4B Granulometria ottenuta con Terrain Leveler
    4B. Il confronto diretto della granulometria ottenuta con il metodo classico della volata o con il Terrain Leveler è evidente già a occhio nudo. A questo si aggiunge la possibilità di eseguire una preselezione molto accurata del materiale in fase di carico

La tecnologia Terrain Leveler di Vermeer è adatta per rocce calcaree e la cava della Ecoin rientra pienamente in questo range operativo. Il materiale estratto è impiegato per la formazione di rilevati stradali con un fuso granulometrico controllato e garantito.

La T1055 III si occupa della coltivazione del fronte cava operando per strati successivi con una produzione di circa 1.400 m3 al giorno su 8 ore di lavoro. Il piano lasciato dalla macchina è inoltre perfettamente adatto per il carico con pala gommata e per il passaggio dei mezzi.

Regolando velocità di avanzamento e velocità di rotazione del tamburo è possibile ottenere pezzature differenti che rispondono a specifici fusi granulometrici.

La superficie è scavata per strati successivi di circa 25 cm (la macchina può arrivare fino a 65 cm) con materiale che si presenta omogeneo e viene lasciato in posto seguendo la sua naturale composizione.

Ordine in cava con Terrain Leveler
5. Dall’immagine è evidente il grande ordine che deriva dalla tecnologia Terrain Leveler di Vermeer

Cosa impossibile, ad esempio, dopo una volata con esplosivo. Questo consente di effettuare una preselezione già in fase di carico valorizzando il materiale in base alla sua composizione.

La riduzione sostanziale dei costi estrattivi

L’impiego della Vermeer T1055 III ha ridotto i costi estrattivi in modo sostanziale. Nel processo di coltivazione si affianca infatti a una pala gommata della classe da 5,00 m3. Queste due macchine, da sole, sostituiscono tutto il processo di perforazione e brillamento, il successivo carico sui dumper e la successiva frantumazione e vagliatura, senza contare la necessaria bonifica del gradone da effettuarsi con un escavatore dotato di martello idraulico.

Inoltre, la pezzatura media dopo la volata spazia da 0 a 500 mm con materiale differente mischiato in modo disomogeneo. Il materiale scavato con la Vermeer T1055 III viene invece caricato direttamente sui mezzi di trasporto stradali verso il luogo di stesa e compattazione. Il risparmio è evidente da un punto di vista intuitivo.

Ma la quantificazione concreta del processo è più interessante di molte altre parole. Gaetano Caruso ci ha infatti raccontato l’esperienza diretta della Ecoin dopo un anno di lavoro :“Il processo estrattivo con la Vermeer T1055 comporta un costo estrattivo di circa 2,50 Euro/m3.

La Vermeer T1255 III Terrain Leveler
6. La Vermeer T1255 III Terrain Leveler è stata messa a confronto con il modello più piccolo non tanto per le produzioni attese quanto per le possibilità operative in merito alle granulometrie

Per avere lo stesso tipo di materiale con la volata e la successiva frantumazione il costo passa a circa 5,00 Euro/m3. Nel costo di estrazione noi comprendiamo ogni onere, compreso l’ammortamento di ogni macchina coinvolta nel processo”.

Un materiale dal maggior valore di mercato con la Vermeer T1055 III

Gaetano Caruso ha voluto specificare alcune fondamentali considerazioni. “Quando è possibile carichiamo il materiale per il trasporto verso il sito di formazione dei rilevati. I costi estrattivi del materiale sul fronte di scavo, escludendo la frantumazione e vagliatura, sono sostanzialmente identici e si attestano, per l’appunto a 2,50 Euro/m3.

Ma il materiale che si ottiene dopo la volata ha un prezzo riconosciuto dal mercato inferiore di circa 2,00 Euro/m3 rispetto a quello ricavato con la tecnologia Vermeer, ovviamente a causa di una curva granulometrica che presenta forti discontinuità.

Quindi la volata ci fornisce non solo un quantitativo inferiore di materiale utilizzabile direttamente ma anche di qualità inferiore. E infatti occorre utilizzare il processo di frantumazione e vagliatura”.

  • Il posto guida
    7A Il posto guida
    7A. Il posto guida delle Vermeer Terrain Leveler prevede l’impiego di tecnologie digitali che rendono semplice e agevole il lavoro dell’operatore
  • La tecnologia Trimble
    7B La tecnologia Trimble
    7B. La tecnologia Trimble permette di seguire fedelmente il piano di coltivazione della cava senza margini di errore

E continua: “La possibilità di effettuare una immediata selezione del materiale scavato con la Vermeer in base alle sue caratteristiche morfologiche ci consente di ottenere un ulteriore valore aggiunto dal mercato. In buona sostanza, abbiamo dimezzato i costi e valorizzato al massimo il materiale con un prezzo riconosciuto superiore”.

Il Sig. Caruso ha inoltre sottolineato che “La Vermeer T1055 aumenta il coefficiente di sicurezza in cava. Lo scavo per successivi strati permette di avere un processo estrattivo sicuro, pulito e ordinato senza bisogno di bonifiche sulle scarpate e senza gradoni da sistemare in continuo. La cava viene coltivata rispettando fedelmente le prescrizioni del piano di coltivazione e, grazie all’uso della tecnologia Trimble, modelliamo le superfici secondo le pendenze e la forma finale”.

VERMEER T1055 III e T1255 III Terrain Leveler, due classi a confronto

Nella cava della Ecoin sono state messe a diretto confronto la T1055 III e una più grande T1255 III. Due macchine che operano con identico principio di scavo ma con dimensioni, peso operativo, potenze e produzioni orarie differenti.

  • La Vermeer T1055 III
    8A La Vermeer T1055 III
    8A. La Vermeer T1055 III Terrain Leveler della Ecoin è in azione da oltre un anno nella cava in località Primosole con risultati molto soddisfacenti: il costo di estrazione è stato sostanzialmente dimezzato con un aumento del prezzo di vendita del materiale riconosciuto dal mercato
  • La Vermeer T1055 III
    8B La Vermeer T1055 III
    8B. La Vermeer T1055 III Terrain Leveler della Ecoin è in azione da oltre un anno nella cava in località Primosole con risultati molto soddisfacenti: il costo di estrazione è stato sostanzialmente dimezzato con un aumento del prezzo di vendita del materiale riconosciuto dal mercato
  • La Vermeer T1055 III
    8C La Vermeer T1055 III
    8C. La Vermeer T1055 III Terrain Leveler della Ecoin è in azione da oltre un anno nella cava in località Primosole con risultati molto soddisfacenti: il costo di estrazione è stato sostanzialmente dimezzato con un aumento del prezzo di vendita del materiale riconosciuto dal mercato

Un confronto per capire produzioni attese, potenzialità granulometriche e profondità di scavo. Interessante vedere come profondità di lavoro, velocità di avanzamento e di rotazione del tamburo permettano di ottenere curve granulometriche con pezzature 0-50 mm fino a curve con pezzature 0-200 mm. Esigenze applicative quindi molto differenti ma con livello qualitativo e di contenimento dei costi molto elevato.

La Vermeer T1255 III ha fatto fronte, nelle identiche condizioni operative della T1055 III, a una produzione giornaliera di 3.200 m3 in 8 ore di lavoro. Si tratta di due macchine dove già il peso operativo indica una differenza sostanziale.

Abbiamo infatti circa 60 t per la T1055 III e 120 t per la T1255 III. Sono entrambe macchine che derivano dalla versione trencher e a cui sono applicati gli accessori specifici Terrain Leveler. La T1055 III trasmette il moto al tamburo con la trasmissione a catena azionata da un motore Rotary Power e un albero millerighe.

  • Il tamburo della Vermeer T1255 III
    9 Il tamburo della Vermeer T1255 III
    9. Il tamburo della Vermeer T1255 III Terrain Leveler è mosso da due motori idraulici Rotary Power in trasmissione diretta. La macchina ha un peso operativo di circa 120 t
  • Il tamburo della Vermeer T1055 III
    10 Il tamburo della Vermeer T1055 III
    10. Il tamburo della Vermeer T1055 III Terrain Leveler è mosso dalla catenaria accorciata della versione trencher azionata da un motore idraulico Rotary Power con millerighe. Il peso operativo è di circa 60 t

La T1255 III, invece, opera in trasmissione diretta tramite due motori Rotary Power. Entrambe le soluzioni forniscono una coppia elevata che permette di sfruttare il principio della bassa velocità di rotazione con un’elevata coppia motrice.

Principio che permette di scavare materiali molto duri in modo ottimale, con bassi consumi e con granulometrie selezionate e nel quale Vermeer ha sottolineato come la selezione granulometrica in fase di scavo varia in modo empirico a seconda della durezza e composizione del materiale. Occorre quindi fare alcune prove con diverse velocità di avanzamento e di rotazione del tamburo per avere la curva desiderata.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <