Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Una barriera sicura e dall’elevata flessibilità

Sull'Autostrada A4 dei Paesi Bassi, la Società Snoline SpA ha posato il sistema di barriere mobili QMB

Quest’anno i Paesi Bassi hanno ospitato il terzo Summit sulla sicurezza nucleare.

Immagini

  • Il sistema QMB in funzione su strada
    article_4677-img_1980
    Il sistema QMB in funzione su strada
  • Lo spostamento delle macchine BTM dal Belgio e dalla Russia su camion
    article_4677-img_1981
    Lo spostamento delle macchine BTM dal Belgio e dalla Russia su camion
  • La riapertura della strada
    article_4677-img_1982
    La riapertura della strada
  • La creazione della prima corsia da 8 m
    article_4677-img_1983
    La creazione della prima corsia da 8 m

Il 24 e 25 Marzo, infatti, i leader di 53 Paesi di tutto il mondo (tra i leader mondiali di più alto profilo erano presenti il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il Presidente cinese Xi Jinping) – insieme a 5.000 Delegati e oltre 3.000 Giornalisti – si sono riuniti per discutere gli obiettivi condivisi di disarmo nucleare, la non proliferazione del nucleare stesso e l’impiego pacifico dell’energia nucleare.

Uno degli obiettivi principali del vertice è stato di rafforzare la sicurezza e impedire atti di terrorismo acquisendo materiali nucleari che potrebbero essere utilizzati per costruire armi di distruzione di massa. Misure di massima sicurezza sono state adottate dall’aeroporto di Amsterdam Schiphol, hub in cui sono atterrati la maggior parte dei rappresentanti, fino all’Aia, dove si è tenuto il vertice.

L’Autostrada A4 è stata utilizzata per trasportare i Delegati dall’arrivo alla destinazione e, per facilitare trasporto e sicurezza, per alcuni periodi sono state chiuse sezioni parziali della stessa. Appena a Sud-Est dell’aeroporto di Schiphol, vicino a Hoofdorp, un tratto di autostrada di 3,3 km ha dovuto essere chiuso al traffico regolare per creare una carreggiata dedicata per i Delegati.

La barriera mobile approvata dal Ministero

Per motivi di sicurezza, la barriera utilizzata doveva essere sicura da un punto di vista di sicurezza stradale e, per evitare ulteriori disagi dovuti al traffico, doveva essere abbastanza flessibile da permettere la riapertura al traffico in un’ora. L’unica tecnologia che permettesse di avere entrambe le cose, ovvero una barriera sicura e un’elevata flessibilità atta a soddisfare l’importante sequenza temporale di spostamento, era una barriera mobile.

Per questo motivo il Rijkswaaterstaat, Ministero dei Trasporti olandese – incaricato di provvedere ad esaudire tutte queste esigenze – ha deciso di utilizzare il QMB, sistema di barriere mobile e macchina sposta barriere, sistema che il Ministero conosceva già in quanto utilizzato in passato per la costruzione di importanti tratti di autostrada. Al fine di rendere il programma di trasferimento della barriera veloce e rapido in accordo con gli stretti tempi richiesti, è stato necessario l’impiego di due Barrier Transfer Machine (BTM).

Le macchine sono state spedite dal Belgio e dalla Russia, con parti di ricambio e strumenti, forniti da macchine operative in Gran Bretagna. Questo sforzo globale è stato completato dall’arrivo di quattro operatori delle macchine dagli Stati Uniti. Il giorno prima della cerimonia di apertura del vertice, la barriera è stata spostata per creare una sezione dedicata al trasferimento dei Delegati composta da due corsie. Per procedere al primo trasferimento della barriera, le due macchine BTM si sono spostate in tandem, trasferendo la barriera lateralmente di 8 m a una velocità di 11 km/ora. Le macchine poi si sono separate e il trasferimento avanti e indietro della barriera per completare l’apertura totale di 13 m di corsia è stato effettuato da una sola macchina. Il giorno seguente, le corsie sono state restituite al traffico trasferendo l’intero tratto di barriera in meno di un’ora.

Questo processo di apertura e chiusura di corsia è stato ripetuto molte volte nei due giorni successivi, in quanto molti Delegati hanno fatto avanti e indietro dall’aeroporto più volte. Malgrado questa applicazione sia molto particolare, questo progetto ha comprovato che la barriera mobile può essere utilizzata con successo per la gestione di eventi particolari, oltre al consueto utilizzo per la gestione di corsie permanenti o di cantiere.

L’utilizzo della barriera mobile QMB è infatti stato un vero successo, essendo riuscita a soddisfare gli obiettivi del Dipartimento dei Trasporti olandese per i trasferimenti e l’impegnativa frequenza temporale degli spostamenti stessi. La barriera mobile ha creato una barriera sicura contro gli urti accidentali e al contempo una “autostrada nell’autostrada”, in modo da tenere i Leader mondiali fuori dal traffico e in sicurezza. Questo sistema ha generato un elevato interesse dei Media e della Stampa locale ed è stato passato nei Notiziari in tutti i Paesi Bassi durante il vertice.